17 apr 2022

Una casalinga dietro le minacce a Di Maio

Tre le persone indagate e perquisite dagli agenti della Polizia Postale e della Digos

1 Le perquisizioni

"Minaccia ad un corpo politico". Questa l’accusa contestata a tre soggetti ritenuti responsabili delle minacce via web rivolte al ministro degli esteri, Luigi Di

Maio (foto). I tre sono stati identificati grazie ad una serie

di riscontri anche telematici. 2 Le offese social

"Muori male, e magari per mano del popolo...". A scriverlo in un messaggio rivolto al ministro degli Esteri Luigi Di Maio sarebbe stata una casalinga di mezza età che vive in provincia di Milano.

È una delle tre persone individuate dalla Polizia.

3 I canali tematici

"Sì dai, armateci e decideremo poi a chi vogliamo sparare" oppure "Non ci sono parole per descrivere, vai solo buttato nel rusco", questi alcuni dei messaggi di morte rivolti a Di Maio individuati all’interno di canali riservati Telegram e il social russo VK.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?