30 gen 2022

Un presidente oltre i veti: quota 759 L’ovazione dell’Aula suggella il bis

È il secondo Capo dello Stato più votato dopo Sandro Pertini. I partiti costretti a pregarlo di restare

giovanni rossi
Cronaca
L’applauso dell’Aula scatta non appena il nome di Sergio Mattarella ha superato quota 505 schede: viene così confermato presidente della Repubblica
L’applauso dell’Aula scatta non appena il nome di Sergio Mattarella ha superato quota 505 schede: viene così confermato presidente della Repubblica
L’applauso dell’Aula scatta non appena il nome di Sergio Mattarella ha superato quota 505 schede: viene così confermato presidente della Repubblica

di Giovanni Rossi Sergio Mattarella. Lui e solo lui. Ma la giornata del sì – quella dell’elezione a un nuovo settennato – scatta in un clima da enigma. Il Paese non ne può più di un teatrino senza sbocchi. Il risveglio dal caos – dopo la bocciatura di Casellati (nell’urna) e di Belloni (nella notte) – è nel segno dell’urgenza assoluta. Ore 8.15. Enrico Letta arringa il Pd: "Serve un accordo con tutti, ma non tutti lo capiscono. Ora si riparte. Il centrodestra spaccato è un punto essenziale". Ore 8.30. L’annunciato vertice Salvini-Tajani-Letta-Conte è rinviato: Giuseppe Conte non c’è. Ore 8.35. Matteo Salvini prova a fare la vittima: "Se c’è condivisione, un voto chiaro in testa ce l’ho fra un’ora. Ma se faccio un nome come Lega non va bene, perciò sarò l’ultimo a parlare". Ore 8.40. Antonio Tajani (FI) ammette il nuovo scenario: "ll centrodestra? No a partito unico. Ognuno tratta, poi sintesi". Ore 9.30. Settima votazione. Mattarella si staglia all’orizzonte pur in assenza di un vero accordo. Nello stesso momento, al Quirinale, il Capo dello Stato incontra il premier Mario Draghi. Ore 9.32. Pierferdinando Casini (tra i quirinabili) si mette di lato: "Il mio nome solo se unisce". Ore 10. A sorpresa, telefonata Draghi-Salvini. Ore 10.42. Salvini apre: "Mattarella-bis, governo vada avanti". Ore 11.42. Scontro Fd’I-Lega. Giorgia Meloni: "Salvini vuole Mattarella? Non ci credo...". Ore 12.05. Casini: "Il parlamento chieda a Mattarella di restare". Ore 12.10. Fd’I è ko. "Ma quale centrodestra?", sbotta La Russa. Mattarella-bis? "Sconfitta per lo spirito della Costituzione". Ore 12.10. Giuliano Amato, 83 anni, altro quirinabile, è eletto presidente della Consulta. Ore 12.11. Draghi sferza i leader della coalizione: "Mattarella resti per bene e stabilità Italia". Ore 12.37. La maggioranza annuncia l’intesa per la rielezione di Mattarella nel pomeriggio. Ore 12.40. Matteo Renzi (Iv) gioisce: "Paese in sicurezza". Ore 13.45. Si chiude il settimo scrutinio: presenti ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?