Un Green pass all’aeroporto. Sopra, il commissario straordinario Francesco Figliuolo
Un Green pass all’aeroporto. Sopra, il commissario straordinario Francesco Figliuolo
Come era prevedibile, è esploso il business parallelo e illegale dei certificati verdi (vaccinazione, guarigione, test negativo) sul web. I gestori del giro d’affari inoltre proponevano, senza averli mai avuti, i vaccini anti Covid di Pfizer, Moderna e AstraZeneca. E offrivano appunto Green pass falsi, venduti sul dark web con pacchetti tutto compreso a 100-130 euro, puntando sulla voglia delle persone di tornare a viaggiare e partecipare ad eventi di ogni tipo. Fa un altro passo avanti l’inchiesta del Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche della Guardia di Finanza e della procura di Milano che già ad aprile portò all’oscuramento di due canali Telegram con oltre 4mila iscritti: stavolta sono 10 i canali sequestrati nel giorno dell’esordio del Green pass europeo e oltre diecimila le persone che vi...

Come era prevedibile, è esploso il business parallelo e illegale dei certificati verdi (vaccinazione, guarigione, test negativo) sul web. I gestori del giro d’affari inoltre proponevano, senza averli mai avuti, i vaccini anti Covid di Pfizer, Moderna e AstraZeneca. E offrivano appunto Green pass falsi, venduti sul dark web con pacchetti tutto compreso a 100-130 euro, puntando sulla voglia delle persone di tornare a viaggiare e partecipare ad eventi di ogni tipo. Fa un altro passo avanti l’inchiesta del Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche della Guardia di Finanza e della procura di Milano che già ad aprile portò all’oscuramento di due canali Telegram con oltre 4mila iscritti: stavolta sono 10 i canali sequestrati nel giorno dell’esordio del Green pass europeo e oltre diecimila le persone che vi avevano aderito ed erano regolarmente iscritte. L’indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Eugenio Fusco e dai sostituti Maria Baj Macario e Maura Ripamonti, è ancora in corso per individuare sia i venditori sia gli acquirenti – tra i primi potrebbero esserci anche soggetti pubblici, gli unici che in Italia hanno la disponibilità delle fiale, mentre tra i secondi potrebbe avere interessi anche la criminalità organizzata –, ma alcuni elementi sono già emersi in questi mesi.

I prezzi, innanzitutto: quelli dei vaccini oscillavano tra i 155 euro per una dose fino ai 20mila per uno stock di 800 fiale; quelli per il Green pass potevano arrivare invece fino a 130 euro per il pacchetto all inclusive: falsi dati identificativi del vaccinato, Qr code, numero che contraddistingue il lotto di origine della prima e della seconda dose, consegna a domicilio anche fuori dall’Ue e in particolare in Usa, Gran Bretagna e Stati Uniti.

A oggi sono almeno un centinaio i Green pass falsi già individuati, grazie a un monitoraggio in tempo reale del web tramite intelligenze artificiali che svolgono il ruolo di sentinelle proprio per recuperare e analizzare le informazioni che circolano sui vari canali e individuare chi vende e chi compra i certificati. I canali, hanno accertato gli investigatori, rinviavano ad account anonimi su specifiche piazze nel dark web attraverso le quali era possibile contattare direttamente i venditori e procedere all’acquisto. Attenzione però, sottolineano fonti investigative, chiunque dovesse essere trovato in possesso di questi falsi certificati rischia una reclusione fino a 6 anni e un’indagine per truffa o ricettazione.

"La complessa attività investigativa, tuttora in corso – spiega il colonnello Gian Luca Berruti del Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche – è finalizzata al contrasto degli illeciti collegati alla situazione emergenziale che producono gravi ripercussione sull’economia, sul tessuto sociale e sulla salute dei cittadini". Nessuna traccia, invece, dei vaccini che i venditori sostenevano di avere. Nel corso delle indagini le stesse case farmaceutiche produttrici hanno collaborato con investigatori e inquirenti proprio per cercare di individuare quali potessero essere i canali di approvvigionamento, ribadendo che nel nostro Paese nessun privato ha mai ricevuto dosi di vaccino. "Dagli accertamenti svolti emerge che non esistono canali privati per la commercializzazione dei vaccini in questione", conferma il gip Guido Salvini che però nel provvedimento di convalida del sequestro aggiunge: "Tuttavia, allo stato, è possibile che i soggetti che pongono in vendita i vaccini attraverso i canali, siano effettivamente entrati in possesso di fiale attraverso un mercato parallelo".

Ci sono stati nei scorsi mesi episodi parecchio strani: come "il milione di dosi AstraZeneca offerte da un intermediario brasiliano all’ufficio del commissario all’emergenza", allora Domenico Arcuri. Lo scenario degli antidoti è ricco di intermediari che assicurano di avere società in Svizzera e in Italia: "Volete Pfizer, ce l’ho! AstraZeneca in questo momento ho qualche problema. Però se Ema lo autorizzasse ho pronto anche lo Sputnik. Ho già i contratti", rispondeva mesi fa sui social uno di questi mediatori-faccendieri.

Alessandro Belardetti