24 gen 2022

Un altro al Colle? Draghi, ipotesi dimissioni

Domenica in Umbria per il premier. In caso di sconfitta, la tentazione di non continuare l’esperienza di governo: non mi sentirei garantito

Il premier Mario Draghi per le strade di Città di Pieve in compagnia delle nipotine
Il premier Mario Draghi per le strade di Città di Pieve in compagnia delle nipotine
Il premier Mario Draghi per le strade di Città di Pieve in compagnia delle nipotine

Ieri Mario Draghi ha passato, novello Cincinnato, una giornata in famiglia, cioè in Umbria, nella sua casa di Città della Pieve. Di mattina ha portato il cane a farsi una passeggiatina, poi è rientrato nella sua abitazione di campagna. La moglie, Serenella in tarda mattinata è stata vista fare spesa in un supermercato del borgo umbro. Una giornata, e una domenica, “normale“, come tante, per riposarsi un po’ dagli impegni di governo. Peccato che coincida con la vigilia della prima votazione per il nuovo presidente della Repubblica. Il silenzio del premier perdura, ed è così fitto, che – a ieri sera – non era neppure dato sapere se Draghi resterà in Umbria anche oggi o se farà ritorno a Roma, come è più probabile. Il problema non è solo capire se Draghi si candida o meno, al Colle, ma anche cosa accadrebbe al governo che dovrebbe sostituirlo. Problemi di rango costituzionale (l’interim del ministro più anziano) e, soprattutto, di tipo politico. I partiti e i leader non sono d’accordo su chi eleggere al Quirinale, figurarsi sul tanto ventilato patto di legislatura che dovrebbe garantire il governo. E, nonostante FI e Lega dicano che deve stare a palazzo Chigi, la sua resta una candidatura forte. Ma, come ha ben argomentato Matteo Renzi, pesce pilota utilissimo a decrittare che cosa succede, "al Quirinale non si va contro i partiti". "Penso che la candidatura di Draghi – aggiunge il leader di Iv – possa stare in piedi solo che abbia questo elemento politico. Al Quirinale ci vai soltanto con un’iniziativa politica". Tradotto, significa che le forze politiche dovrebbero trovare una intesa ampia, tanto da comprendere un accordo sulla natura del futuro governo, cioè quello che manca. In ogni caso, con i partiti ancora nel pieno dell’impasse, i primi tre scrutini saranno inutili e anche ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?