1 apr 2022

Ucciso il primo miliziano italiano Era nel Donbass con i separatisti

Il latitante veneto Edy Ongaro in trincea coi filorussi, è morto per l’esplosione di una bomba a mano. Intanto i soldati di Mosca lasciano Chernobyl: molti sono contaminati. Biden avverte: lo zar non si ritira

alessandro farruggia
Cronaca

di Alessandro Farruggia In Ucraina si conta la prima vittima italiana dei combattimenti. Si chiamava Edy Ongaro, nome di battaglia Mozambo, combattente dal 2015 a fianco dei separatisti filorussi del Donbass. È rimasto ucciso per lo scoppio di una bomba a mano in trincea durante uno scontro a nord di Donetsk. Veneziano di Portogruaro, 46 anni, Ongaro era fuggito nel Donbass da latitante: doveva essere arrestato infatti per aver aggredito una barista a cui aveva dato un calcio all’addome perché si era rifiutata di versargli ancora da bere. Poi se l’era presa con i carabinieri, picchiando anche loro. Da foreign fighter, Ongaro aveva scelto di arruolarsi nelle milizie comuniste filorusse. "Combatterò senza tregua contro l’Occidente", dichiarava un mese fa. "Si è gettato sull’ordigno facendo una barriera con il suo corpo. Si è immolato eroicamente per salvare la vita ai suoi compagni. Nel Donbass aveva trovato il suo riscatto", commenta ora il Collettivo Stella Rossa - Nordest. Sul campo, intanto, le truppe russe si ritirano in parte da Chernobyl, ma solo perché alcuni soldati sono contaminati. Il piano rimane comunque usare le truppe per portarle nel sudest e provare, integrandole con forze fresche, a conquistare l’intero Donbass. Un riposizionamento tattico che indica come per Mosca la guerra è ben lungi dal finire. VIA DA CHERNOBYL A partire da mercoledì pomeriggi i russi hanno iniziato a ritirare truppe da Chernobyl. Ieri il ritiro è stato completato e due colonne di 100 mezzi hanno lasciato l’ex centrale nucleare, pare portando prigionieri (forse come ostaggi per coprirsi la ritirata) alcune decine di soldati della Guardia nazionale ucraina. "Molti dei soldati russi – spiega Energoatom, l’ente nucleare ucraino – sono contaminati perché gli hanno fatto scavare delle trincee, senza alcuna protezione, nella zona della ’foresta rossa’, l’area più contaminata dell’intera zona di esclusione. Molti hanno assorbito una dose ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?