Il 61enne è stato ritrovato in un terreno di famiglia
Il 61enne è stato ritrovato in un terreno di famiglia

Si è ammazzato impiccandosi a un ulivo Antonio Granata, il 61enne di Massafra (Taranto) che l’altro ieri ha ucciso, sgozzandole, la moglie Carolina Bruno, 65 anni, e la suocera, Lorenza Addolorata Carano, 91 anni, ed è fuggito in auto dopo aver telefonato ai carabinieri confessando il duplice omicidio.

Circa un anno fa i coniugi avevano perso il loro alloggio a un’asta e si erano trasferiti al pianterreno dello stesso stabile di via Leonardo Da Vinci, dalla suocera, dove si è consumata la tragedia. I vicini avrebbero riferito agli inquirenti che i litigi erano ormai all’ordine del giorno. Sarebbe stato, dunque, un diverbio per una questione di debiti a scatenare la violenza del 61enne, che svolgeva lavori di potatura di alberi e giardinaggio. Granata ha ucciso le due donne con un coltello e con un arnese da lavoro, colpendole ripetutamente al volto e alla gola.

Il cadavere dell’uomo è stato trovato ieri in un campo di agrumi vicino a un terreno di proprietà familiare nel comune di Palagiano, più volte controllato nel corso della notte. Prima di impiccarsi, il 61enne avrebbe anche tentato il suicidio lanciandosi in un pozzo.