Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
22 apr 2022

Turni massacranti e stipendi bassi La fuga dei medici dagli ospedali

In tre anni 21mila camici bianchi sono andati via. E il Covid fa crescere la voglia di pensione anche tra i giovani

22 apr 2022
claudia marin
Cronaca

di Claudia Marin È corsa verso la pensione per i medici italiani. E se la demografia spiega la maxi-uscita dei nati negli anni ’50, con il raggiungimento dell’età massima, è la pandemia a fare da booster a quella che è diventata una maxi-fuga dal Servizio sanitario nazionale anche dei sanitari della generazione successiva. Perché, come spiega Roberto Monaco, il segretario generale della Fnomceo, la Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, "i medici, stremati, pensano di andare in pensione anticipata, anche i giovani, o di abbandonare il sistema sanitario pubblico per il privato, mentre i ragazzi vanno all’estero". E così negli ultimi 3 anni, dal 2019 al 2021, si è registrato un vero esodo volontario di camici bianchi dagli ospedali italiani: secondo una ricerca del sindacato Anaao Assomed, hanno abbandonato l’ospedale 8.000 camici bianchi (2.886 solo nel 2021) per dimissioni volontarie e scadenza del contratto e 12.645 per pensionamenti, decessi e invalidità. In totale il Servizio sanitario nazionale ha perso complessivamente quasi 21mila medici specialisti. E le prospettive dei prossimi tre anni disegnano uno scenario altrettanto preoccupante. Basti pensare che, secondo un’altra recente indagine della Fimmg, il sindacato dei medici di famiglia, da qui a tre anni, circa 15 milioni di italiani dovranno cercarsi un altro medico di famiglia e non è detto che lo troveranno. Fino al 2024 andrà in pensione il 31% di questi professionisti e fino al 2025 addirittura il 38%. E, sulla scorta delle previsioni dello stesso sindacato, almeno per i primi anni i nuovi giovani formati saranno troppo pochi per compensare le uscite: oltre 3,5 milioni di cittadini rischiano di restare senza un riferimento sanitario di base. L’invecchiamento della generazione nata durante la Ricostruzione e il fenomeno della Great Resignation ("le grandi dimissioni"), che riguarda anche la sanità, avranno, insomma, un impatto senza ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?