Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
19 mag 2022

Trump tiene in ostaggio i repubblicani

19 mag 2022
cesare
Cronaca

Cesare

De Carlo

Una sola volta, in due secoli e mezzo, l’America ha avuto un presidente per due mandati non consecutivi. Fu nel 1892 quando Grover Cleveland rientrò alla Casa Bianca, da dove ne era stato sfrattato quattro anni prima. Era un democratico e aveva dietro di sé l’appoggio del partito. La storia si ripeterà con Donald Trump? Lui non si pronuncia. E fa bene perché il partito repubblicano non lo vuole. Almeno per ora. Gli viene preferito l’astro nascente, il giovane governatore della Florida, l’"italiano" Ron De Santis.

Ma mancano due anni alle presidenziali. Un’eternità in politica. Può accadere che Trump riconquisti quello stesso establishment che ieri, all’indomani delle primarie repubblicane, appariva contrariato. Eppure erano andate benissimo, a conferma della impopolarità del democratico Joe Biden. Si sceglievano i candidati per le elezioni di medio termine. Correranno l’8 novembre, a metà del mandato presidenziale, per l’intera Camera, 435 seggi, e per un terzo del Senato, 34 seggi su 100 (in Italia anche dopo la riforma saranno il doppio). Ebbene, dei 25 candidati vincenti, 22 e forse 23 avevano l’endorsement di colui che dalla Casa Bianca era uscito con la macchia dell’assalto al Congresso (6 gennaio 2021). È proprio questa la paradossale preoccupazione del partito. Senza Trump i sondaggi sono molto promettenti.

In novembre Biden dovrebbe subire un bagno di sangue. Diverrebbe un’anatra zoppa e difficilmente potrebbe rimanere alla Casa Bianca nel 2024. Ammesso che la salute lo sorregga.

Secondo paradosso: l’assalto al Congresso ha compromesso in quattro ore il bilancio di quattro anni di presidenza. Trump ne esce con un’immagine a pezzi, anche se non è emersa la sua istigazione. Lo zoccolo duro tiene. Quello moderato no, pur rimanendo trumpiano.

Terzo paradosso: il trumpismo appunto. È sopravvissuto a Trump. De Santis ne è un esponente. Ma non è Trump. Non è "divisive". E nemmeno lo sono i vincitori delle primarie.

([email protected])

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?