Alla fine, dopo una vita di eccessi alle spese degli altri, giustificata inizialmente con il desiderio di fuggire alla povertà del suo Paese, si è dovuto arrendere e confessare davanti a un giudice di Los Angeles. "Hushpuppi", re degli influencer nigeriano, ha ammesso di essere coinvolto in riciclaggio e truffe milionarie. E ora, a 37 anni, per reati commessi dal gennaio 2019, di anni (di prigione) ne rischia 20.

Ray ‘Hushpuppi’, Ramon Olorunwa Abbas, fino a un anno fa, quando venne arrestato, era un invidiato influencer diventato ricco grazie a Instagram. Ossessionato dal vestirsi solo con abiti griffati Gucci e Louis Vuitton, viveva a Palazzo Versace a Dubai, frequentava calciatori e chef e girava con Ferrari e jet privati. A luglio 2020 era stato estradato negli Usa con l’accusa di riciclaggio e frode informatica. Insieme ad altri sei nigeriani, Hushpuppi avrebbe orchestrato truffe milionarie via mail ai danni di aziende e persone di mezzo mondo, compresi gli Stati Uniti. Gli agenti hanno sequestrato a lui e i suoi amici oltre a 40 milioni di dollari in contanti, auto e orologi di lusso.