Fiumicino, 13 gennaio 2018 - Il colpo era collaudato, ma la macchina era quella sbagliata. Una coppia, entrambi romani, ha tentato in pieno giorno il 'trucco' dello specchietto, una truffa abbastanza comune in varie città che consiste nel fingere di aver subito un danno per poi pretendere un risarcimento. Ma, almeno questa volta, è andata male. 

Gli sprovveduti truffatori, infatti, hanno provato il 'giochino' con una delle tante vetture in transito in via della Scafa a Fiumicino. Ma la sorte non ha sorriso ai due, rispettivamente di 30 e 24 anni: l'auto presa di mira era una civetta con a bordo due Carabinieri del Nucleo Investigativo che li ha subito smascherati e arrestati. 

La poco scaltra coppia, dopo aver visto passare il veicolo preso di mira, lo ha inseguito fino a via della Scafa. Qui i truffatori hanno invitato il conducente a fermarsi, accusandolo di avere poco prima urtato la loro auto, rompendo lo specchietto. Quindi hanno avanzato la richiesta di risarcimento. Stupore misto rassegnazione si è palesata sul volto dei malfattori, già noti alle forze dell'ordine, quando i militari si sono fatti riconoscere. La coppia ha anche tentato di fuggire, ma è stata raggiunta e arrestata a Ostia.