Pantelleria, 10 settembre 2021 - Choc a Pantelleria, dove una tromba d'aria si è abbattuta sull'isola provocando due morti e il ferimento di altre nove persone, di cui 4 in gravi condizioni. La tromba d'aria ha investito in pieno almeno dieci auto. Una delle vittime era un vigile del fuoco non in servizio, Giovanni Errera, di 47 anni, l'altra un pensionato di 86 anni, Francesco Valenza. I due viaggiavano a bordo delle loro vetture. Un corpo è stato trovato all'interno di una macchina, mentre la seconda vittima è stata trovata a terra. Si registrano danni anche ad alcune case, che sono state scoperchiate, e ai classici muretti a secco. 

Tromba d'aria: i video

La conferma della tragedia è arrivata dal sindaco di Pantelleria Vincenzo Campo, che ha seguito e coordinando le operazioni di soccorso. "Ci sono due morti e diversi feriti - ha detto -. È stata certamente una tromba d'aria che ha coinvolto case e anche diverse auto". Non ci sono dispersi. Il primo cittadino ha proclamato domani lutto cittadino. Pronti ad intervenire da Lampedusa anche i soccorsi del 118 con l'elisoccorso, ed è stato allertato il gruppo Usar dei vigili del fuoco. Ma le condizioni climatiche rendono tutto più complicato: sulla Sicilia si è infatti abbattuta un'ondata di maltempo e per domani il dipartimento della Protezione Civile aveva già diffuso una allerta meteo.

Un soccorritore: "Quello che si è presentata ai nostri occhi è stata una scena apocalittica". La tromba d'aria è arrivava dal mare e in pochi secondi si è abbattuta sulla strada perimetrale dell'isola, trascinando via nel vortice case e auto.

Un testimone, Pino Guida, ha descritto così quei momenti tremendi: "Sentivo pioggia e vento fortissimi, qualcosa di davvero anomalo per la nostra isola. Tutto è successo in un momento". L'uomo è residente in contrada Karuscia, la sua casa è a meno di un chilometro dal luogo della tragedia. "Dall'intensità della pioggia sembrava come un tornado che veniva dal mare da casa non riuscivamo a uscire, tanto era forte il vento. A un certo punto è andata via anche la luce e a quel punto abbiamo pensato che la tromba d'aria aveva provocato danni seri, anche se non potevamo immaginare ci fossero anche delle vittime".

Mario Valenza, che abita in contrada Campobello ha raccontato all'agenzia Ansa: "Casa mia è stata sventrata, il tetto e le porte non ci sono più…". Aggiungendo: "Io non ero a casa in quel momento dentro c'era solo Assian, il mio pastore maremmano. Lui si è salvato perché, per la paura, si è nascosto sotto il letto, scampando così alla furia del vento e dell'acqua". La casa è stata distrutta anche all'interno. Valenza, insieme al suo cane, sarà ospite a casa della figlia: "Tornerò nella mia abitazione e con l'aiuto delle torce recupererò alcuni oggetti personali, come il pc. Domani, con la luce del giorno, tornerò per effettuare un sopralluogo più accurato".

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci: "Prego Iddio che il bilancio non si aggravi e sono vicino alle famiglie così improvvisamente colpite negli affetti più cari. Resto in costante contatto con il direttore della Protezione civile regionale, che si è già attivata".