Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
10 lug 2022
10 lug 2022

Toti tiene a battesimo la sua Italia al Centro I renziani dialogano Calenda già si smarca

10 lug 2022

Forte di un incoraggiante base in diverse regioni italiane, Giovanni Toti (foto) tenta il salto dalla sua Ligura alla dimensione nazionale, lanciando Italia al Centro, movimento che aspira a scardinare l’attuale bipolarismo. Ieri, alla prima convention nazionale del nuovo partito hanno fatto sentire la loro voce alcuni possibili partner di questa operazione: da Carlo Calenda a Ettore Rosato e Clemente Mastella. Ma la voce più forte e dissonante è quella di Silvio Berlusconi che, dopo aver affermato "il centro sono io", ieri ha ribadito il concetto con un video. Toti ha radunato a Roma i 12 parlamentari che fanno riferimento a lui e i 16 amministratori regionali, i 42 sindaci e gli oltre 600 amministratori territoriali che Italia al Centro esprime. "Le coalizioni – dice Toti – non esistono più, l’attuale sistema politico è finito". Per questo serve una nuova legge elettorale che prenda atto della nuova fase e la fotografi con un proporzionale con sbarramento.

Una analisi condivisa dagli ospiti Carlo Calenda ed Ettore Rosato, che però rispetto alla nuova creatura e all’offerta di Toti di dialogare e partecipare al "cantiere", si pongono in modo diverso. Calenda conferma che con +Europa il 24 settembre darà vita a un partito liberale che correrà sicuramente da solo, e su questo chiede a Toti di esprimersi "con nettezza". Rosato è più dialogante: "Collaboriamo per costruire una ciambella di salvataggio contro i populismi".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?