Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
15 apr 2022

"Tomba di Dalla Chiesa dimenticata". È polemica

La lettera di una signora alla famiglia del generale. La figlia Rita: "A 40 anni dalla strage mio papà continua a essere scomodo"

15 apr 2022
Il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso a Palermo nel 1982 In alto, la figlia Rita, 74 anni
Il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso a Palermo nel 1982 In alto, la figlia Rita, 74 anni
Il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso a Palermo nel 1982 In alto, la figlia Rita, 74 anni
Il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso a Palermo nel 1982 In alto, la figlia Rita, 74 anni
Il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso a Palermo nel 1982 In alto, la figlia Rita, 74 anni
Il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso a Palermo nel 1982 In alto, la figlia Rita, 74 anni

Nel cimitero della Villetta di Parma, dove è sepolto il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, c‘è una piantina con indicate le posizioni delle tombe dei personaggi che si ritiene debbano essere omaggiati. Insieme alla piantina, sono stati creati opuscoli con percorsi tematici: uno di questi si intitola “Gli eroi della memoria”. La storia del generale ucciso quarant’anni fa (il 3 settembre 1982) dalla mafia non solo non appare tra gli opuscoli, ma la sua tomba non è neanche segnalata nel percorso. A farlo notare è stata una cittadina che ha scritto una lettera alla famiglia del generale. Dalla Chiesa, nonostante fosse nato a Saluzzo (Cuneo), era in realtà molto legato alle sue origini parmigiane. Suo padre, Romano (anche lui carabiniere), era di Parma e con la città emiliana il generale aveva un legame particolare. È questo il motivo per cui, insieme alla moglie Emanuela Setti Carraro, è sepolto nel cimitero della Villetta. La stessa comunità cittadina ogni anno, in occasione dell’anniversario dell’omicidio per mano di Cosa Nostra, tiene una commemorazione ufficiale al cimitero monumentale, con corteo e deposizione di fiori con alcuni dei familiari e in presenza delle autorità. Nella piazza omonima di Parma qualche anno fa è stato inaugurato anche un busto in bronzo alla memoria del generale. Ma il caso sollevato dalla signora è destinato a far discutere. Se non altro perché non si può dire – soprattutto per ciò che il generale ha rappresentato nella lotta al terrorismo e alla mafia – che il nome di Dalla Chiesa non abbia segnato la storia dell’Italia. E così la questione è stata fatta notare anche al sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, e alla società Ade servizi cimiteriali, ma non ha trovato soluzione. È stata Rita, la figlia maggiore del generale, a denunciare su Facebook questa mancanza: "Vorrei conoscere al ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?