23 gen 2022

Tirocini, aumentano gli infortuni Gli studenti: più sicurezza in fabbrica

Dopo la tragedia di Udine, faro acceso sugli stage durante la scuola: "Ai ragazzi serve più formazione"

giulia prosperetti
Cronaca
Un apprendista in fabbrica: il mondo della scuola si avvicina al lavoro
Un apprendista in fabbrica: il mondo della scuola si avvicina al lavoro
Un apprendista in fabbrica: il mondo della scuola si avvicina al lavoro

di Giulia Prosperetti "Secondo i dati che abbiamo, sono in aumento gli incidenti che riguardano gli stagisti. Per molte imprese è diventata quasi un’abitudine ricorrere a queste figure, abusandone se non addirittura sfruttandole, per risparmiare sul costo del lavoro". È un quadro allarmante quello tracciato dal direttore dell’Ispettorato nazionale del lavoro, Bruno Giordano, all’indomani della morte del diciottenne Lorenzo Parelli, schiacciato da una putrella l’ultimo giorno del suo apprendistato presso l’azienda metalmeccanica Burimec di Lauzacco, in provincia di Udine. Per evitare tragedie simili, afferma Giordano, "aumentare i controlli non basta, serve un’etica dell’impresa che rispetti la dignità e i diritti dei giovani e di tutti i lavoratori, ed è necessaria un’adeguata formazione". Un fattore di rischio è, infatti, rappresentato dall’assegnare ai giovani tirocinanti delle mansioni non adatte alle loro capacità, per le quali non sono stati adeguatamente formati. "Essendo inesperti, questi ragazzi devono essere formati e informati sui rischi che ci sono nel luogo di lavoro – evidenzia il direttore dell’Inl –. Proprio perché non hanno esperienza, dimestichezza e conoscenza delle task lavorative devono essere destinatari di una formazione maggiore, più specifica e mirata". Nulla che non sia già previsto dalla normativa in vigore per le diverse tipologie di formazione professionale. Normativa che, tuttavia, in molti casi viene disattesa. "Coloro che fanno alternanza scuola-lavoro, tirocini e stage, anche volontari, – spiega Giordano – sono sottoposti alle medesime norme di prevenzione e sicurezza degli altri lavoratori. Nella tutela dei lavoratori non c’è differenza. Non occorre rivedere le norme, basta applicarle. Queste cose succedono perché vengono violate le normative". Per la sottosegretaria al Lavoro e alle politiche sociali, Rossella Accoto, "gli stage devono essere un’esperienza commisurata alla giovane età dei ragazzi" ed è dovere delle istituzioni "far applicare le norme con controlli puntuali per far sì che tutti i percorsi di alternanza scuola ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?