Lunedì 22 Aprile 2024

Chi sono i TheBorderline. La challenge delle 50 ore in auto

Il gruppo di youtuber è coinvolto nell’incidente a Casal Palocco costato la vita a un bimbo di 5 anni, gravi madre e sorella

Roma, 15 giugno 2023 - Sui social e su Youtube sono il gruppo “TheBordeline” (Cioè “Il limite”), i ragazzi che erano a bordo del suv che scontrandosi con una Smart ha provocato la morte di un bambino di 5 anni, e il ferimento della madre e della sorella a Casal Palocco. Il loro modo di divertirsi e apparire non è violento, e non dovrebbe essere pericoloso, ma i challenge lanciati sul web sono scommesse improbabili e impossibili, e purtroppo si prestano a diventare trappole mortali, e i casi non sono mancati negli ultimi anni. Matteo Di Pietro, il creatore digitale 22enne, assieme a Vito Loiacono, Marco Ciaffaroni e Giulia Giannandrea, sono i membri del gruppo di youtuber che si ispira a MrBeast (Pseudonimo dello youtuber statunitense Jimmy Donaldson), ora sono nei guai.

Uno degli Youtuber coinvolti nell'incidente, l'utilitaria distrutta e fiori sul luogo dello scontro
Uno degli Youtuber coinvolti nell'incidente, l'utilitaria distrutta e fiori sul luogo dello scontro

Restare 50 ore in una macchina senza scendere, era la prova che stavano affrontando al momento dell'incidente, per questo motivo la polizia locale, oltra a indagare sulla velocità, ha sequestrato i cellulari dei ragazzi a bordo della Lamborghini, presa a noleggio proprio per il challenge, in cerca di video girati per per essere postati in rete.

Lo scorso anno la stessa prova era stata fatta con una Fiat 500, e documentata tappa per tappa sui social e sul loro canale youtube. Questa volta però qualcosa è andato storto. Chi era alla guida del suv è indagato per omicidio stradale, e la polemica per il challenge diventato mortale sta montando.

Poche ore prima dell'incidente la frase profetica: "Ma questo con la Smart cosa sta facendo?". E' Vito Loiacono a pronunciare quaste parole in quello che è l'ultimo video pubblicato dal gruppo prima di schiantarsi. Lo stesso Loiacono poi è riapparso sui social per chiarire che lui non stava guidando.

Sul loro canale Youtube si legge: "Non siamo ricchi ma ci piace spendere per farvi divertire a voi! Tutto quello che facciamo si basa su di voi, più supporto ci date più contenuti costosi e divertenti porteremo, tra sfide, challenge e scherzi di ogni tipo cercheremo di strapparvi una risata in ogni momento:). Ogni singolo euro guadagnato su YouTube verrà speso per portare video ASSURDI e UNICI. Obbiettivo finale? Regalare a qualcuno di voi 1.000.000 Euro (Probabilmente non accadrà mai, ma è il nostro obbiettivo). La nostra fonte di ispirazione è il grande MrBeast che in America ha costruito un impero attraverso questo tipo di video, ispirandoci a lui porteremo per la prima volta in Italia contenuti simili, che potranno essere portati avanti solo attraverso il vostro grande supporto."