Vaccino, i numeri
Vaccino, i numeri
Da lunedì si parte con la somministrazione della terza dose di vaccino anti Covid per gli over 40, purché siano trascorsi sei mesi dalla conclusione del ciclo primario (monodose o seconda dose). Ecco una guida della situazione in Italia. Covid Italia, nuovo Green pass da dicembre. Pronta la stretta I vaccini ci stanno salvando: ecco i numeri A che punto siamo Fino a ieri sono state inoculate 3,6 milioni di terze dosi (sulla platea di italiani vaccinabili significa il 58% di richiami booster per categorie a rischio e 66% di dosi addizionali per immunodepressi). L’obiettivo del commissario Figliuolo è immunizzare...

Da lunedì si parte con la somministrazione della terza dose di vaccino anti Covid per gli over 40, purché siano trascorsi sei mesi dalla conclusione del ciclo primario (monodose o seconda dose). Ecco una guida della situazione in Italia.

Covid Italia, nuovo Green pass da dicembre. Pronta la stretta

I vaccini ci stanno salvando: ecco i numeri

A che punto siamo

Fino a ieri sono state inoculate 3,6 milioni di terze dosi (sulla platea di italiani vaccinabili significa il 58% di richiami booster per categorie a rischio e 66% di dosi addizionali per immunodepressi). L’obiettivo del commissario Figliuolo è immunizzare 16 milioni di italiani entro il 2021, toccando una media di 350mila iniezioni al giorno, mentre ora siamo – in ascesa dal 16 settembre, giorno del ’via’ – a 160mila. "C’è una crescita netta delle terze dosi, ma tra gli over 80, i più fragili rispetto a possibili effetti sulla salute quando contraggono l’infezione, la percentuale di chi ha fatto il richiamo non supera il 40%", sottolinea Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di Sanità.

Contagi Covid in Italia: bollettino del 19 novembre

Come si prenota nelle regioni

La Toscana ha aperto ieri il portale web ’prenotavaccino.sanita.toscana’ anche agli over 40 per poter prenotare l’appuntamento. In Lombardia si può prenotare attraverso il portale online ’prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia’ o tramite call center al numero 800.894.545. È possibile prenotare recandosi a un Postamat Poste Italiane della Lombardia e seguendo la procedura guidata che compare sullo schermo. Non è necessario essere cliente di Poste Italiane, basta avere la tessera sanitaria. Anche il postino può effettuare una prenotazione per il vaccino: il servizio è gratuito e solo i portalettere di Poste Italiane sono abilitati a fornirlo. In Emilia-Romagna i canali di prenotazione per tutte le Aziende sanitarie sono: Cupweb, Cuptel, sportelli Cup, Fascicolo sanitario elettronico e inviti tramite sms rientranti in determinate categorie. L’Ausl Romagna ha reso possibile, sempre da lunedì, l’accesso libero agli hub vaccinali, anche senza la prenotazione. Nelle Marche le modalità di prenotazione sono tramite il sito web ’prenotazioni.vaccinicovid.gov’ o attraverso il numero verde 800.00.99.66 dalle 8 alle 20. Si può fissare l’appuntamento anche con Poste italiane nonché anche dal sito regionale ’regione.marche.itEntra-in-RegioneVaccini-CovidPrenotazioni’. In Umbria la prenotazione potrà essere effettuata tramite il portale regionale ’vaccinocovid.regione.umbria’ e nelle farmacie

Quante dosi restano

Nei frigo speciali italiani sono conservate circa 7 milioni di dosi di antidoto. Le scorte non sono sufficienti ad arrivare a Natale, con molte regioni che hanno sfruttato anche il 99 per cento delle fiale a disposizione. L’Emilia Romagna ha conservato circa 160mila dosi (somministrando il 97,8% di quelle consegnate), la Toscana 120mila (arrivando al 98%), la Lombardia ne ha circa 900mila (fermandosi al 94,3% delle somministrazioni rispetto alle scorte), le Marche ha ancora 190mila dosi (92,2%) e l’Umbria ne ha 700mila (95,3%).