Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
5 ott 2021

Terza dose di Pfizer e Moderna approvata dall'Ema per gli over 18

Il via libera dell’Ema. Le persone fragili possono farla dopo 28 giorni dalla seconda iniezione di Pfizer e Moderna. Gli altri dopo sei mesi

5 ott 2021
alessandro farruggia
Cronaca
Una over 80 riceve la terza dose del vaccino anti covid un ambulatorio di Torino
Una over 80 riceve la terza dose del vaccino anti covid un ambulatorio di Torino
Una over 80 riceve la terza dose del vaccino anti covid un ambulatorio di Torino
Una over 80 riceve la terza dose del vaccino anti covid un ambulatorio di Torino
Una over 80 riceve la terza dose del vaccino anti covid un ambulatorio di Torino
Una over 80 riceve la terza dose del vaccino anti covid un ambulatorio di Torino

di Alessandro Farruggia   Via libera del Comitato per i medicinali destinati all’uomo (Chmp) dell’Ema, l’autorità regolatoria europea, all’uso – dopo sei mesi dalla seconda dose – di una dose “booster“ del vaccino Comirnaty (BioNTechPfizer) per gli over 18. Ok anche a una terza dose dei vaccini Comirnaty e Spikevax (Moderna) – 28 giorni dopo la seconda – per gli immunodepressi. Il via libera al vaccino Spikevax agli over 18 è invece ancora in corso di valutazione perché la sua valutazione è iniziata 21 giorni dopo quella per il Comirnaty. "Il Chmp – informa la nota finale della riunione del comitato – ha valutato i dati relativi a Comirnaty, che mostrano un aumento dei livelli anticorpali a seguito della somministrazione di una dose di richiamo circa 6 mesi dopo la seconda dose, in persone di età compresa tra 18 e 55 anni. Sulla base di tali dati, il Comitato ha concluso che si possono prendere in considerazione dosi di richiamo almeno 6 mesi dopo la seconda dose per le persone di età pari o superiore a 18 anni. La somministrazione della dose di richiamo seguirà le raccomandazioni ufficiali a livello nazionale". Vaccino Covid, terza dose: via libera per fragili e over 60 Via libera più ampio invece per gli immunodepressi per i quali il comitato ha deciso che "è possibile somministrare una dose aggiuntiva dei vaccini anti-Covid-19 Comirnaty e Spikevax a persone con un sistema immunitario gravemente indebolito, almeno 28 giorni dopo la seconda dose. La raccomandazione giunge dopo che alcuni studi hanno dimostrato che una dose aggiuntiva di questi vaccini ha aumentato la capacità di produrre anticorpi contro il virus che provoca Covid-19 nei pazienti che hanno subito un trapianto d’organo e che presentano un sistema immunitario indebolito". "Sebbene non vi siano evidenze dirette del fatto che la capacità ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?