Amatrice, 24 agosto 2021 - Una tromba intona il silenzio. Le note si disperdono nell'aria. Oggi, cinque anni fa: la terrà tremò nel centro Italia. Un terremoto dvastante di magnitudo 6.6. Paesi rasi al suolo. Come Amatrice che divenne il simbolo di quella immane tragedia. Oggi, nel quinto anniversario, il premier Mario Draghi è nel paese del Reatino per rendere omaggio alle vittime. Il presidente del consiglio ha deposto una corona d'alloro al monumento delle vittime nel parco don Minozzi della cittadina laziale.

Come ricorda la lapide sotto il monumento di travertino, le vittime di Amatrice sono state 237 sulle 299 complessive. A seguire la cerimonia anche rappresentanti delle istituzioni tra cui il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio. Sono cominciate così le cerimonie per il quinto anniversario del sisma che ha travolto anche i paesini di Accumuli, in provincia di Rieti come Amatrice, e di Arquata sul Tronto (Ascoli Piceno). Il premier, insieme alle altre autorità, partecipa anche alla messa celebrata dal vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, nel campo sportivo vicino.

Sono seduti su sedie distanziate per le regole Covid, tutti con mascherine e all'ingresso è stata controllata la temperatura. Alcune sedie sono rimaste vuote. Accanto all'altare ci sono gli stendardi di molti comuni e, dall'altro lato il coro vestito di nero e che ha aperto la cerimonia con l'Alleluia.

Le parole di Draghi

Il premier ha detto: "Se oggi sono qui è perché lo Stato vi è vicino. In passato è stato lento ma adesso la situazione è diversa: i lavori di ricostruzione stanno procedendo più velocemente. Sono oggi qui a portarvi fiducia e l'impegno del Governo".

Il vescovo

Durante la messa, il vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, ha detto: "Il dolore è sempre vivo e non sopporta di essere esorcizzato in altro modo. L'unico antidoto al dolore è l'amore".

L'ex sindaco Pirozzi

L'ex sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, ha consegnato a Draghi un dossier "Ho consegnato al premier Draghi un dossier sulla possibilità di infiltrazioni criminali nei cantieri aperti e in quelli che si apriranno".

Casellati

Con un tweet il messaggio del presidente del Senato, Elisabetta Casellati: "Finalmente sono apparse le prime gru ad Amatrice. A 5 anni dal terremoto del Centro Italia, che causò 299 vittime, sono un simbolo di speranza per una comunità che rinasce e per l'intero Paese".

Fico

Il presidente della Camera, Roberto Fico, parla di "un monito per la politica e le istituzioni ad adottare una visione coraggiosa che intraprenda in modo irreversibile la strada della prevenzione e della sostenibilità ambientale, della messa in sicurezza e della rigenerazione dei nostri territori".