Fiumicino (Roma), 7 dicembre 2019 - Ha chiesto al tassista di impostare il tassametro e il conducente lo ha colpito con un pugno rompendogli il naso. E' accaduto a Roma, la vittima è un italiano, appena sbarcato a Roma da Madrid, che salito in un taxi all'aeroporto di Fiumicino ha avuto la malaugurata idea di chiedere al tassista l'applicazione del tassametro per la corsa dallo scalo alla Capitale. Il cliente, un 60enne residente a Roma, è stato aggredito dallo stesso tassista e colpito con un pugno in pieno volto, che gli ha causato la frattura del setto nasale.

Il tassista, denunciato per lesioni per futili motivi, è stato individuato nel giro di poco tempo dagli investigatori dalla Polizia giudiziaria della Polizia di frontiera aerea di Fiumicino, grazie anche al servizio di videosorveglianza implementato dalla società di gestione, Aeroporti di Roma. L'uomo ha provato a difensersi: "Ha preso a cazzotti la mia auto, mi ha danneggiato la carrozzeria. Quando ho visto la mia macchina rovinata ho perso la testa". Affermazioni che, però, vengono smentite dai filmati nei quali si vede chiaramente la vittima aggredita senza alcun apparente motivo.

Pugno al cliente, il video 

image

Dalle immagini si intravede il viaggiatore appena uscito all'esterno del terminal, mentre è in attesa di salire a bordo del taxi. L'uomo si rivolge al tassista, che appare fin da subito visibilmente scocciato, al punto tale da rifiutare il carico dei bagagli a bordo del taxi e respingere più volte uno dei bagagli. A quel punto, mentre è in corso la discussione fra i due, un assistente del servizio taxi con indosso un fratino giallo fa salire a bordo della stessa vettura un altro cliente, mentre il tassista sale a bordo dell'auto. Il primo viaggiatore, probabilmente infastidito, bussa più volte sul vetro posteriore del taxi per chiedere spiegazioni all'autista. Il tassista, infuriato scende dall'auto va a passo spedito incontro al viaggiatore e lo colpisce con un pugno. L'aggredito a quel punto cade all'indietro, mentre il tassista risale e parte a tutta birra con l'altro cliente a bordo. L'uomo colpito, invece, con fatica riesce a rialzarsi. La terribile scena avviene di fronte a diverse persone che guardano, ma senza intervenire. Pochi minuti dopo l'uomo aggredito viene assistito e medicato nel vicino pronto soccorso aeroportuale di Adr e quindi trasferito all'ospedale Cto di Roma, dove gli è stata diagnosticata la frattura del setto nasale, giudicata guaribile in 30 giorni.

Comune pronto a ritirare licenza al tassista

"Inaccettabile l'aggressione di un tassista ai danni di un turista a Fiumicino. Ringrazio la Polizia di Stato per aver individuato l'autore della violenza, per il quale chiederò il ritiro della licenza", ha annunciato la sindaca Virginia Raggi su Twitter. Anche Aeroporti di Roma, che si dice "fortemente turbata" ed esprime "piena solidarietà e vicinanza al passeggero vittima di questo incredibile e ingiustificato episodio", sta valutando "ogni iniziativa sul piano legale e condivide l'annuncio della sindaca di Roma di voler procedere al ritiro della licenza del tassista".

"Nessuno ha difeso la vittima"

Il tassista poteva essere arrestato in flagranza di reato. "Se qualcuno avesse parlato lo avremmo preso subito", spiega all'AGI Fernando Speziali, commissario della sezione della polizia giudiziaria della Polaria di Fiumicino. "Ad averci indignato - spiega l'investigatore - è il fatto che nessuno dei presenti, sia l'operatore del Taxi Service sia gli altri autisti, sia intervenuto a sostegno della vittima. Nessuno, inoltre, ha chiamato le forze dell'ordine".