Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
9 gen 2022

Svolta Ue, sì al nuovo nucleare L’Italia preferisce non schierarsi

La Commissione Ue parifica gas ed energia atomica tra le fonti sostenibili. Il ruolo di Francia e Germania. Il Pd è in imbarazzo mentre Salvini, Forza Italia e renziani attaccano: "Letta responsabile del caro bollette"

9 gen 2022
alessandro farruggia
Cronaca
I fumi che escono dalle torri di refrigerazione di una centrale nucleare in Francia
I fumi che escono dalle torri di refrigerazione di una centrale nucleare in Francia
I fumi che escono dalle torri di refrigerazione di una centrale nucleare in Francia
I fumi che escono dalle torri di refrigerazione di una centrale nucleare in Francia
I fumi che escono dalle torri di refrigerazione di una centrale nucleare in Francia
I fumi che escono dalle torri di refrigerazione di una centrale nucleare in Francia

di Alessandro Farruggia Per far fronte al cambiamento climatico l’UE va verso un sì a nucleare e gas come attività "di transizione" per arrivare alla neutralità climatica entro il 2050. E l’eco si sente in tutta Europa, riaprendo l’eterno dibattito tra paladini del nucleare, delle fonti fossili e delle energie rinnovabili: uno scontro che in Italia spacca il governo in due. La Commissione europea, nella sua proposta di classificazione degli investimenti sostenibili, la cosiddetta "tassonomia verde", ha dato il via libera a tre tipologie di attività nucleari e, con più vincoli, a tre legate al gas. La proposta, fortemente sponsorizzata da Francia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia e Finlandia sembrava avere il no di un nucleo di paesi (Spagna, Austria, Danimarca, Lussemburgo) che ruotavano attorno alla Germania. E invece la Germania si è sfilata e con ogni probabilità si asterrà e non presenterà ricorso, come ha annunciato il portavoce del governo, Steffen Hebestreit. Questo darebbe il via libera alla proposta della Commissione, che può essere bocciata in Consiglio europeo solo da almeno 20 stati membri che rappresentino almeno il 65% della popolazione o dalla maggioranza assoluta del Parlamento europeo. Entrambe le condizioni sembrano irrealistiche. In Germania ha prevalso la realpolitik della mancanza di una maggioranza qualificata, anche se ne avesse fatto parte la Germania, per bloccare la proposta. Ma anche la volontà di non creare problemi alla Francia – storicamente partner privilegiato – e anche la scelta deliberata per il gas. Se è vero infatti che la Germania ha appena chiuso tre delle sei centrali nucleari rimaste sul suo territorio, Berlino punta molto sul gas per la transizione. Ha completato il gasdotto Nord Stream 2 con la Russia e le norme della tassonomia europea sembrano fatte apposta per favorire gli stati che devono sostituire centrali a carbone (la Germania produce con ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?