Svolta nel delitto di Via Poma. Caccia al killer di Simonetta: "È il figlio del portiere Vanacore"

L’ipotesi dei carabinieri sull’omicidio del 1990. Il padre, custode dello stabile, si uccise. Il legale: "Siamo sconcertati". La Procura di Roma: "Restano perplessità sulle prove" .

ROMA

Ad uccidere Simonetta Cesaroni sarebbe stato Mario Vanacore, il figlio del portiere del condominio di via Poma. A scriverlo, nero su bianco, sono i carabinieri in una corposa informativa consegnata nelle mani dei magistrati della Procura di Roma che, però, parlano di "ipotesi e suggestioni" le quali "non consentono di superare le forti perplessità sulla reale fondatezza del quadro ipotetico tracciato". Per questo lo scorso 13 dicembre hanno chiesto l’archiviazione del fascicolo aperto due anni fa in seguito ad un esposto della famiglia della ragazza uccisa il 7 agosto del 1990.

In cima alla lista dei sospettati per uno dei cold case più famosi d’Italia, i carabinieri mettono proprio Mario Vanacore, il figlio di Pietrino, il portiere dello stabile che già tre giorni dopo l’omicidio di Simonetta Cesaroni venne prima fermato (passò quasi un mese in carcere) e poi rilasciato. A 20 anni di distanza dall’omicidio, l’uomo si suicidò, lasciando una scritta su un cartello: "Vent’anni di sofferenze e di sospetti ti portano al suicidio".

Secondo quanto ricostruito dai militari, il pomeriggio del 7 agosto del 1990, Mario Vanacore entrò negli uffici di via Poma, dove Cesaroni lavorava da circa due mesi come segretaria. Trovatosi inaspettatamente davanti alla ragazza, l’avrebbe trascinata "nella stanza del direttore" – dove poi venne trovata cadavere – per poi tentare di violentarla, ma la giovane riuscì a colpirlo ferendolo. A quel punto - scrivono i carabinieri - "l’uomo reagisce, sferrandole un violento colpo al viso che la stordisce e la fa cadere a terra". Così si sarebbe arrivati al momento dell’omicidio con "l’uomo che si impossessa dell’arma del delitto e a cavalcioni della ragazza, supina a terra, la colpisce per ventinove volte". Il legale di Vanacore, Claudio Strata, esprime "sconcerto" e annuncia che "valuteremo azioni a sua tutela".