14 feb 2022

Superbonus e faide grilline, Di Maio fa scudo

Scontro con la Lega sugli incentivi per l’edilizia. Il ministro degli Esteri smonta la tesi di complotti interni ispirati da lui: andiamo avanti

elena g. polidori
Cronaca
Luigi Di Maio, 35 anni, ministro degli Esteri, milita nel Movimento 5 Stelle sin dal 2007
Luigi Di Maio, 35 anni, ministro degli Esteri, milita nel Movimento 5 Stelle sin dal 2007

Quando il nemico è a terra, il modo migliore per farlo fuori è colpirlo prima che si rialzi. Ed è un po’ questo quello che è sembrato fare ieri il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, parlando di "economia drogata" a causa del Superbonus voluto strenuamente, in tempi diversi, dal M5s per far ripartire l’edilizia in periodo pandemico. I grillini sono alle prese con guai e lacerazioni interne profonde e ieri, proprio con il ministro della Lega, si sono ritrovati anche sul banco degli imputati per quella misura a cui il governo ha deciso di mettere mano, per evitare nuove "truffe colossali", come evidenziato nei giorni scorsi dal ministro dell’Economia, Daniele Franco. Ma i 5 Stelle non ci stanno a finire nel tritacarne e ieri hanno replicato. "Matteo Salvini e la Lega hanno cambiato idea rispetto alla nostra misura, uno strumento di politica industriale riconosciuto come virtuoso anche in Europa? – si chiedono i deputati grillini Patrizia Terzoni, Luca Sut e Riccardo Fraccaro – Il leader leghista si rimangia i voti a favore del Superbonus espressi dal suo partito in Parlamento? Vuole affossare l’agevolazione che ha fatto ripartire l’edilizia e il Paese?". Domande che, probabilmente, troveranno risposta nel prossimo Consiglio dei ministri in settimana, ma su cui è intervenuto – in modo duro – anche il ministro dell’Agricoltura, Stefano Patuanelli, capodelegazione M5s al governo. "La strategia è ormai chiara: tutti contro il Movimento. Se è già iniziata la campagna elettorale, basta che ce lo dicano". Insomma, avere tutti contro vuol dire ricompattare le truppe. Tanto che Luigi Di Maio ha preso la palla al balzo, sfruttando il fatto che l’attacco venga dall’esterno. Il ministro degli Esteri, uscito allo scoperto sul fronte interno proprio mentre la Farnesina è nel pieno della bufera Ucraina, ha voluto sminare il terreno da chi vede ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?