Baby gang (Ansa)
Baby gang (Ansa)

Napoli, 13 agosto 2019 - Un ambulante originario del Bangladesh di 39 anni, regolarmente in Italia, è stato preso a sassate da una 'baby gang' a Napoli. Il gruppo, composto da 6-7 persone - tutti dei ragazzi di 15 e 16 anni - avrebbe aggredito il venditore nella notte fra domenica e lunedì in via Orsini, a ridosso del lungomare nei pressi di Santa Lucia, una zona centrale del capoluogo partenopeo. Coinvolto e ferito - seppur in maniera più lieve - un altro ambulante 42enne che si trovava con il collega.

In base alle ricostruzioni, la baby gang che ha aggredito i due, voleva prendere della merce senza pagarla; lo straniero che ha avuto la peggio è stato dapprima accerchiato e poi colpito con una pietra al volto, che l'ha ferito gravemente. Il 39enne si trova ricoverato in prognosi riservata all'ospedale Cardarelli di Napoli, dove è stato operato per un ematoma al cranio, conseguente ad un'emorragia. Dovrà essere sottoposto ad intervento chirurgico, almeno due volte, per la ricostruzione del viso.  Le videocamere hanno registrato quanto accaduto. Sull'episodio indaga la polizia.

L'uomo è stato assistito con generi di prima necessità nelle prime ore del suo ricovero da familiari di altri pazienti; in giornata, operatori sociali del Comune provvederanno a consegnargli indumenti ed altri generi di conforto. "Non si puo' affermare con certezza che si sia trattato di un fenomeno di razzismo - spiega il sindaco Luigi de Magistris - ma sicuramente si è trattato di un grave atto di bullismo che si configura sempre come l'aggressione a chi è apertamente piu debole o è stigmatizzato come tale. Ultimamente la propaganda di una certa politica ci consegna i migranti come le figure più marginali della nostra società. Gli saremo vicino in questi giorni anche avvalendoci del supporto dei mediatori linguistici culturali."