Agguato a Foggia, 4 morti. Gli inquirenti sul luogo della sparatoria (Ansa)
Agguato a Foggia, 4 morti. Gli inquirenti sul luogo della sparatoria (Ansa)

Foggia, 30 novembre 2020 - Strage del Gargano, Giovanni Caterino è stato condannato all'ergastolo dalla Corte d'Assise di Foggia. Caterino, 40 anni, è l'unico imputato della strage di mafia di San Marco in Lamis (Foggia), quando il 9 agosto 2017 il boss di Manfredonia Mario Luciano Romito, il cognato Matteo de Palma furono uccisi in un agguato, ma i killer furono visti anche dai fratelli Aurelio e Luigi Luciani, che li freddarono perché testimoni involontari. 

La sentenza è stata emessa dopo tre ore di camera di consiglio: Caterino è accusato di quadruplice omicidio premeditato aggravato dal metodo mafioso e porto e detenzione di armi in concorso. 

Caterino sarebbe, secondo l'accusa, il basista del commando armato. Lui avrebbe pedinato nei giorni precedenti l'agguato, e anche il giorno stesso, le vittime designate, cioè Mario Luciano Romito, il cognato Matteo de Palma.