Si va dalla statale 106 Ionica fino all’anello ferroviario e la metro C di Roma. Sono alcune delle opere infrastrutturali già identificate con il Dl Semplificazioni, per le quali il Governo, dopo molta attesa e le polemiche espresse ancora in questi giorni, ha provveduto a stilare la lista di 52 commissari, per lo...

Si va dalla statale 106 Ionica fino all’anello ferroviario e la metro C di Roma. Sono alcune delle opere infrastrutturali già identificate con il Dl Semplificazioni, per le quali il Governo, dopo molta attesa e le polemiche espresse ancora in questi giorni, ha provveduto a stilare la lista di 52 commissari, per lo più tecnici dell’Anas, del Ministero dei Trasporti o di Rfi.

"Si è ritenuto utile di proporre solo nominativi aventi requisiti di alta professionalità tecnico -amministrativa anche già afferenti alle stesse strutture pubbliche" è spiegato nel Dpcm di nomina. Perché il complesso delle opere interessate va dal trasporto ferroviario a quello stradale al progetto di prolungamento della Metro C di Roma, oltre il centro storico fino al quartiere Mazzini. Per questo strategico asset il commissario nominato è Maurizio Gentile, ex ad di Rfi ed attuale commissario straordinario per la messa in sicurezza della A24 e A25.

Figurano quindi la l’Alta Velocità Brescia-Verona-Padova per realizzare un’importante tratta del collegamento ferroviario tra Milano e Venezia, parte del tracciato del Corridoio Mediterraneo . Tra le opere anche il potenziamento delle tratte di accesso al Brennero e la linea Venezia Trieste con il potenziamento tecnologico sulla linea storica prevedendo anche interventi infrastrutturali quali la soppressione dei passaggi a livello.

Sulla Napoli-Bari si prevede di completare la realizzazione dell’Alta Velocità con miglioramento dell’accessibilità al servizio nelle aree attraversate, sia per i servizi nazionali di lunga percorrenza sia per il servizio regionale.