Strade come fiumi. Pensionato disperso, la macchina distrutta

Strade come fiumi. Pensionato disperso, la macchina distrutta
Strade come fiumi. Pensionato disperso, la macchina distrutta

E’ morta per la rabbia e il dolore nel vedere la sua casa invasa dal fango. Il suo cuore non ha retto all’ennesimo affronto della vita. A morire di crepacuore una donna di 84 anni, in via Garda, nella frazione di Montemurlo. L’anziana è stata colpita da un malore mentre stava cercando di liberare la propria abitazione dall’acqua e dal fango. Sì, si può morire di dolore. E anche di paura, come è successo a una donna di 28 anni a Oste di Montemurlo nella provincia pratese, una delle località più colpite dalle inondazioni. La giovane sarebbe stata cardiopatica e affetta da patologie pregresse, anche se la sua morte al momento non viene direttamente collegata all’alluvione, è comunque avvenuta in un contesto di emergenza con interi paesi isolati e strade bloccate. Risulta anche un disperso: un uomo di 84 anni di cui la famiglia aveva denunciato già giovedì sera la scomparsa.

La vettura che guidava, è stata trovata accartocciata ieri pomeriggio dai carabinieri di Prato in un terreno alluvionato vicino alla zona di Galciana, del corpo però nessuna traccia. Secondo quando riportato dai familiari, stava rientrando a casa, dopo una visita medica, dove però non è mai arrivato. L’auto è stata trovata a molti chilometri di distanza dall’abitazione: è probabile che mentre stava cercando di tornare a casa, l’auto sia stata travolta dalla furia del fiume di acqua e detriti che si è riversato all’improvviso nelle strade. Le ricerche dell’uomo sono proseguite per tutta la giornata di ieri.

Silvia Bini