6 apr 2022

Stop Ue al carbone di Mosca Putin blocca l’export di cibo

È guerra di sanzioni tra Mosca e l’Occidente. Gli Usa congelano i conti russi. L’Europa ora pensa a bloccare il petrolio. Ma non c’è accordo tra i 27 Stati

elena comelli
Cronaca
Da sinistra, Ursula von der Leyen (63 anni) e Roberta Metsola (43) ieri a Strasburgo
Da sinistra, Ursula von der Leyen (63 anni) e Roberta Metsola (43) ieri a Strasburgo
Da sinistra, Ursula von der Leyen (63 anni) e Roberta Metsola (43) ieri a Strasburgo

di Elena Comelli Parte il divieto d’importazione del carbone dalla Russia, che sottrarrà alle casse del presidente Vladimir Putin 4 miliardi all’anno. La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha presentato ieri il quinto pacchetto di sanzioni, che prevede lo stop a carbone, legno, prodotti chimici e altro, dai frutti di mare ai liquori, per un valore di circa 9 miliardi di euro all’anno. Per colpire il petrolio e il gas russi, dai quali la dipendenza della Ue è ancora molto forte, ci vorrà più tempo, ma almeno è arrivato il segnale politico sul carbone. La Ue propone inoltre un divieto di export in settori in cui la Russia è più vulnerabile, quali i semiconduttori avanzati, i pc, le tecnologie per il gas naturale liquefatto e apparecchiature elettriche e di trasporto, per 10 miliardi di euro l’anno. La presidente ha spiegato che Bruxelles è al lavoro su "ulteriori sanzioni, anche sulle importazioni di petrolio" e sta "riflettendo su alcune delle idee presentate dagli Stati membri, come dazi sul petrolio o canali di pagamento specifici, come un conto di garanzia". Sul versante finanziario, però, la misura più significativa è stata adottata dal Tesoro Usa, che non consentirà alla Russia di usare i suoi fondi in dollari nelle banche americane per pagare i bond. Resta sul tavolo il problema dell’embargo sui prodotti energetici. Lunedì il presidente francese Emmanuel Macron, presidente di turno dell’Ue, aveva detto di essere "a favore di nuove sanzioni" e che si doveva agire "in particolare su carbone e petrolio". Anche la Polonia e i paesi Baltici chiedono da tempo di colpire gli idrocarburi, e Varsavia aveva annunciato che avrebbe unilateralmente messo al bando il carbone russo da maggio. Estonia, Lituania e Lettonia hanno bloccato l’import di gas russo dal primo aprile. Delle tre fonti fossili russe ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?