Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 apr 2022

Sparò al frigo ma uccise un ragazzo. Altro che gioco: sconterà 30 anni

Il caso nel 2014. La vittima era un suo dipendente di 23 anni. Imprenditore condannato per omicidio volontario

20 apr 2022
nino femiani
Cronaca
I rilievi subito dopo l’omicidio del pastore Qamil Hyraj ucciso a 23 anni (foto d’archivio)
I rilievi subito dopo l’omicidio del pastore Qamil Hyraj ucciso a 23 anni (archivio)
I rilievi subito dopo l’omicidio del pastore Qamil Hyraj ucciso a 23 anni (foto d’archivio)
I rilievi subito dopo l’omicidio del pastore Qamil Hyraj ucciso a 23 anni (archivio)

Voleva fare un gioco "macho" o solo usare il suo dipendente come bersaglio per i suoi capricci? Per i giudici della Corte d’Assise di Lecce non ci sono dubbi: il pastore di origini albanesi, Qamil Hyraj, freddato con due fucilate, è vittima di omicidio volontario con dolo eventuale (un reato che si configura quando il colpevole non cerca di uccidere, ma ritiene che sia seriamente probabile l’assassinio). E l’autore del delitto, Giuseppe Roi, 37enne di Porto Cesareo (Lecce), titolare di un’azienda agricola a Torre Lapillo, è condannato a trenta anni di reclusione. La tragica storia ha inizio a mezzogiorno del 6 aprile del 2014, ma ha un prologo che risale a settimane, forse mesi prima. Roi, infatti, ha la passione per le armi, carabine e pistole di ogni calibro. Non solo le detiene, ma si diverte a sparare su muri e bidoni nelle campagne tra Torre Lapillo e Torre Castiglione dove Hyrai gestisce il pascolo per le pecore del suo datore di lavoro. "Prima o poi succede che mi ammazza", si sfoga il ventitreenne albanese. E ricorda che, già in una precedente circostanza, il "padrone" gli aveva sparato "per scherzo" da distanza ravvicinata. Qamil è un giovane a modo, arrivato in Italia per lavorare, sa fare il pastore. Conduce una vita spartana, dorme su un giaciglio e con un cugino si alterna nella gestione del pascolo. Non ha nemici, né precedenti penali né legami pericolosi. Per questo motivo quando i carabinieri trovano il suo corpo trafitto da due proiettili capiscono che devono rivolgere la loro attenzione al "padrone pistolero". In breve tempo ricostruiscono cosa è avvenuto in quel lembo di terra poco distante dalla fattoria nel quale vive lo sparatore. Ecco la dinamica del delitto che ricostruiscono. Roi si sistema dietro un muro di cinta rivolto verso Hyraj tanto da ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?