Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
1 ago 2022
1 ago 2022

Sparatoria a Pescara: ucciso architetto di 66 anni. L'aggressore è in fuga

Sei colpi di pistola in un bar vicino al centro prima di cena: un ex calciatore ferito gravemente 

1 ago 2022
E' di almeno un morto il bilancio provvisorio della sparatoria di stasera davanti ad un bar di Pescara: a terra oltre la zona recintata dalle forze dell'ordine si vede un lenzuolo che copre un corpo, 01 agosto 2022. Secondo quanto si � saputo un ferito grave � stato trasportato in ambulanza all'ospedale cittadino.
ANSA/LORENZO DOLCE
Sparatoria davanti a un bar a Pescara
E' di almeno un morto il bilancio provvisorio della sparatoria di stasera davanti ad un bar di Pescara: a terra oltre la zona recintata dalle forze dell'ordine si vede un lenzuolo che copre un corpo, 01 agosto 2022. Secondo quanto si � saputo un ferito grave � stato trasportato in ambulanza all'ospedale cittadino.
ANSA/LORENZO DOLCE
Sparatoria davanti a un bar a Pescara

Roma, 1 agosto 2022 - Sparatoria a Pescara con  un morto e un ferito grave . Secondo le prime ricostruzioni, all'ora dell'aperitivo verso le 20, in un bar all'angolo tra via Ravasco e la strada Parco, a poca distanza dal centro cittadino, due persone sono state raggiunte dai colpi di pistola esplosi da un aggressore che poi si è dato alla fuga  a bordo di una moto. L'allarme è stato dato da un dipendente del bar dove è avvenuta la sparatoria che si è nascosto sotto un tavolo e ha chiamato i soccorritori. Sul posto sono arrivati 118, polizia e carabinieri.

Gli inquirenti hanno confermato che le vittime della sparatoria sono italiane.  L'uomo morto si chiamava Walter Albi, 66 anni , e risulta iscritto all'albo degli architetti. Il ferito grave è Luca Cavallito, 48 anni , ex calciatore con precedenti penali, che è stato raggiunto da uno o più colpi al volto.  È arrivato al pronto soccorso dell'ospedale di Pescara in condizioni disperate. Il personale sanitario l'ha sottoposto d'urgenza ad intervento chirurgico. Il corpo della vittima è invece rimasto a terra tra i tavolini, coperto da un lenzuolo, dove sono stati eseguiti i rilievi. Sul posto sono arrivati il questore di Pescara Luigi Liguori e il dirigente della Mobile Gianluca Di Frischia,  il capo della Procura di Pescara Giuseppe Bellelli assieme al sostituto titolare dell'inchiesta Andrea Di Giovanni, nonchè il sindaco Carlo Masci. 

"Scappate scappate stanno sparando a tutti ". È quanto urlato, secondo le testimonianze raccolte sul posto, da alcuni ragazzi che si trovavano casualmente nei paraggi e si sono dati alla fuga dopo la sparatoria. Un fuggi fuggi, con gente nascosta dietro i muri. Sembra certo che chi ha sparato - sono stati uditi 6 colpi di pistola - era completamente vestito di nero e con casco integrale  ed è poi fuggito su una grossa moto per via Vittorio Veneto. Questo nuovo episodio di sangue ha tutta l'aria di una esecuzione  a Pescara, città non nuova a regolamenti cruenti di conti. L'ultimo omicidio risale a Capodanno, ma un altro fatto grave è accaduto ad aprile proprio nella centrale piazza Salotto con il ferimento grave di un lavoratore di un ristorante.

"Un fatto angosciante e drammatico, che fa riflettere. Dalle modalità di esecuzione sembra un regolamento di conti. E' raccapricciante quanto accaduto e impone un livello di allerta e di guardia più alto. Tutto questo fa pensare a un salto di qualità della criminalità ". Lo dice il sindaco di Pescara, Carlo Masci, commentando la sparatoria di questa sera. "Siamo in una zona residenziale, serve il massimo controllo della città ed è quello che chiederò al questore", aggiunge Masci.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?