28 feb 2022

Spara e si barrica in casa per otto ore

Un medico di 42 anni ha sparato cinque colpi di pistola e si è rintanato nella sua abitazione. Alla base del gesto la separazione dalla moglie

roberta rampini
Cronaca
Le forze speciali prima del blitz nella casa dell’uomo che si era barricato a Rho
Le forze speciali prima del blitz nella casa dell’uomo che si era barricato a Rho
Le forze speciali prima del blitz nella casa dell’uomo che si era barricato a Rho

di Roberta Rampini RHO (Milano) Ha ingerito dei farmaci, esploso cinque colpi di pistola e si è barricato in casa. Per ore. A rompere l’equilibrio di Matteo Banderali, medico di 42 anni, è stato forse il travaglio della separazione dalla moglie, o il timore di non avere più accanto a sé la figlia piccola di appena sette anni. Così, una domenica pomeriggio qualunque, in una frazione di Rho, nel Milanese, si è trasformata in un incubo. A nulla è servito neppure il tentativo di mediazione a cui ha partecipato anche il papà, che ha provato, senza mai avere risposta, a mettersi in contatto con il figlio attraverso un megafono. Silenzio, sotto l’elegante palazzina ristrutturata, lungo il viale alberato di Mazzo, dove un intero esercito di poliziotti e carabinieri si era nel frattempo radunato. È stato necessario l’intervento dei Gis di Livorno, del Gruppo Intervento Speciale, esperto nelle irruzioni. Ma non c’è stato bisogno di sfondare la porta nell’appartamento. Banderali, medico otorinolaringoiatra, chirurgo estetico e maxillo-facciale, papà separato, con il porto d’armi per due pistole, alla fine è uscito spontaneamente, dopo otto ore. Ed è stato portato in ospedale per accertamenti. Tutto è successo nel pomeriggio di ieri. A dare l’allarme, il padre Giorgio, medico di base 70enne in pensione. È andato a trovare Matteo intorno a mezzogiorno. L’ha trovato in stato confusionale. Gli ha chiesto anche spiegazioni, ma il figlio lo ha invitato a uscire dal suo appartamento. Il padre, tutt’altro che tranquillo ha chiamato il 118 e chiesto l’invio di un’ambulanza per sospetta intossicazione da farmaci, mentre il figlio si barricava in casa. Porta blindata chiusa, finestre sbarrate. Quando i sanitari sono arrivati sul posto hanno sentito due colpi d’arma da fuoco sparati dall’interno dell’abitazione e hanno immediatamente avvertito le forze dell’ordine. In via Ghandi, sono arrivati alcuni equipaggi dei militari ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?