Sembrerebbe una corsa affollata (22 candidati e 39 liste), ma la vera sfida romana è a quattro. La sindaca uscente, la grillina Virginia Raggi, il candidato di centrodestra voluto da Giorgia Meloni, Enrico Michetti, il leader di Azione, Carlo Calenda e l’ex ministro Pd Roberto Gualtieri. Una sfida all’ultimo voto per il ballottaggio, dove la sorpresa potrebbe arrivare proprio da Calenda, dato in risalita dopo l’inatteso endorsement del ministro leghista Giancarlo Giorgetti, poi ritirato.

Ma la battaglia, di fatto, si gioca tutta nel centrosinistra: proprio nel caso di un exploit del leader di Azione, la partita si sposterebbe poi dentro il Pd, con risultati davvero incerti per la tenuta del Nazareno. Diversa la situazione tra i 5Stelle, che dopo il “disastro“ Raggi nutrono poche speranze di riconferma.