Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
26 lug 2022
raffaele
Cronaca
26 lug 2022

Sono le imposte il vero tema elettorale

26 lug 2022
raffaele
Cronaca

Raffaele

Marmo

Saranno le tasse (e non le ideologie) uno dei più immanenti e incombenti convitati di pietra delle elezioni del 25 settembre. Molto di più di quello che appare. Perché, dopo oltre due anni di pandemia e con la frenata in corso per la guerra in Ucraina, famiglie e imprese, lavoratori dipendenti e Partite Iva vorranno capire innanzitutto quale sarà il loro destino economico, e questo dipende in larga misura dalla leva tributaria in mano al governo che verrà.

Abbandonata a se stessa la delega così faticosamente definita e congegnata in questo anno, i partiti hanno ripreso mano libera nelle rispettive impostazioni di politica fiscale.

È agevole immaginare – e difatti già accade come raccontiamo nella seconda puntata della nostra inchiesta sulla politica rispetto alle questioni-chiave del Paese – che ascolteremo le più mirabolanti promesse elettorali sul taglio di balzelli e imposte. Ma è altrettanto ipotizzabile che l’opinione pubblica, fatta la tara, terrà comunque conto dell’essenza e della tendenza che sospingono e sorreggono le proposte degli schieramenti in campo.

Nelle moderne democrazie, del resto, il voto con la mano sul portafoglio e la testa ai propri interessi è l’espressione pragmatica di quella razionalità economica weberiana (tipica della cultura protestante) che solo il velo dell’ideologia della sinistra marxista e del cattolicesimo pauperistico (spesso congiunti) hanno richiuso, in Italia, nella ridotta del "non detto" o del "non confessabile".

Ben venga, dunque, la discussione aperta e accesa sul merito e, nello specifico, nel merito delle proposte fiscali dei partiti perché solo da essa può venire la possibilità di rendersi conto della loro fondatezza e della loro concreta realizzabilità.

Senza falsi pudori e finti idealismi.

Perché, oltretutto, tornare a parlare di tasse significa andare anche al fondamento della rappresentanza parlamentare che si consolida sul principio dell’indipendenza americana del "no taxation without representation", e, dunque, del nessuna tassa senza rappresentanza.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?