Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
19 mar 2022

Silvio Berlusconi e Marta Fascina, oggi quasi sposi. E i figli del Cav disertano la festa

Cerimonia e anello ma niente matrimonio. A villa Gernetto 60 ospiti tra cui i fedelissimi Letta, Confalonieri e Galliani

19 mar 2022
viviana ponchia
Cronaca
featured image
Silvio Berlusconi e Marta Fascina
featured image
Silvio Berlusconi e Marta Fascina

Gli auguri più irriverenti sono stati quelli della ex Francesca Pascale, che ha promesso di fumare uno spinello propiziatorio. Per il resto si va sul classico: mangiata per sessanta, taglio della torta e magari alla fine scambio clandestino delle fedi, perché va bene non formalizzare, ma un minimo di contenuto simbolico bisogna darlo. Oggi è il giorno in cui Silvio Berlusconi non si sposa, ma è come se. Nel sabato della festa del papà, con alle spalle la guerra, una mancata elezione al Quirinale, ripetuti ricoveri, due mogli e un numero imprecisato di amori, cinque figli, quattordici nipoti e una bisnipote, a 85 anni il Cavaliere si concede il lusso di un non matrimonio con la fidanzata Marta Fascina, eletta nel 2018 alla Camera nelle file di Forza Italia. C’è chi lo considera un compromesso per non gettare nel panico tutto l’asse ereditario.

Prevale in ogni caso una sincera ammirazione per questo non-sposo con 53 anni in più della sua amata, un uomo generoso che non si pente mai, anche se dal 2010 fra risarcimenti, assegni di divorzio e donazioni per quieto vivere avrebbe speso più di 75 milioni di euro. Perchè bisogna essere di una lega speciale per reggere a quell’età una cerimonia di nozze vera o finta, quella degli altri e a maggior ragione la propria. Bisogna avere i superpoteri per crederci e riprovarci ancora, questa volta con spunti di romanticismo adolescenziale che hanno portato lui dall’orafo a ordinare un solitario di diamanti a forma di cuore, lei a escogitare il regalo più disarmante di tutti, un calco delle sue mani intrecciate a quelle del compagno. "Il cuore di Berlusconi ha lavorato il triplo di quello di una persona normale" fu la diagnosi del medico personale Alberto Zangrillo dopo l’intervento alla valvola aortica. Quindi perché stupirsi, la vocazione è quella e di una vera unione con conseguenze civili si può anche fare a meno.

A gennaio, quando scoppiò la bomba dell’evento imminente, i portavoce del tycoon italiano si affrettarono a scrivere per lui una nota rassicurante: "Il rapporto di amore, di stima e di rispetto che ci lega è così profondo e solido che non c’è alcun bisogno di formalizzarlo con un matrimonio. Ma proprio perché si tratta di un legame così importante, stiamo progettando per il prossimo futuro di festeggiarlo come merita, coinvolgendo i miei figli e gli amici più cari".

Quindi porte aperte ai compagni di una vita: Fedele Confalonieri, Gianni Letta, Adriano Galliani e Marcello Dell’Utri. Nessun ministro o big riesumato e pochissimi politici, fra cui il vicepresidente di Fi Antonio Tajani, i due capigruppo Paolo Barelli e Annamaria Bernini e la fedelissima senatrice Licia Ronzulli. I figli mica tutti, perché sembra che qualcuno adducendo improrogabili impegni si sia già sfilato. Ci sarà Marina, che stravede per papà e durante il lockdown ha ospitato la coppia nella sua villa in Costa Azzurra. Non Pier Silvio, pare, perché da quando è scoppiata la pandemia evita le riunioni affollate.

E nemmeno Eleonora, la più bella del clan, da qualche altra parte con la famiglia. Sarà una festa dell’amore in stile americano, un super rinfresco all’ora di pranzo nella residenza di Villa Gernetto, 24mila metri quadri, 60 camere da letto e un cinema da 80 posti per chi dovesse annoiarsi. I non sposi hanno scelto insieme il menù del catering fornito da Vittorio, il più rinomato ristorante stellato della provincia di Bergamo. E sui paccheri cucinati a vista avrebbero smussato i piccoli attriti della vigilia: Berlusconi, vista la situazione in Ucraina, avrebbe preferito rinviare a un momento più opportuno. Ma almeno su questo l’onorevole Fascina non ha ceduto.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?