1 La parola finale

La sfida lanciata da Draghi non è ben accolta, ovviamente, dagli inglesi. L’ultima parola spetta alla Uefa. Wembley era stata scelta perché la Gran Bretagna sembrava il Paese più sicuro, ma la drammatica impennata dei sondaggi ha cambiato la situazione

2 Le altre soluzioni

L’Uefa aveva dato

per possibile un cambio.

Sedi alternative Mosca e Budapest. Ma l’Ungheria

non è affidabile: Orbàn

ha dato il via libera a 58mila spettatori sugli spalti,

scelta considerata irresponsabile

3 Il nostro sondaggio

La nazionale suscita grossi entusiasmi. Il 76 per cento, secondo una ricerca di Noto Sondaggi, mai è stato così emozionato dall’inno. L’idea

di Draghi potrebbe essere

quindi assai gradita

per un’Italia che ha gli azzurri

nel cuore (nella foto Mancini)