Da oggi almeno 7,6 milioni di alunni dovrebbero tornare in classe, l’89,5% della popolazione scolastica, con un significativo incremento rispetto ai 6 milioni e 850mila alunni (l’80,5%) a scuola nella settimana che si è appena conclusa. Ma in diverse grandi città – Roma e Napoli e in parte a Milano – ci vorrà qualche giorno prima che le scuole, soprattutto le superiori, riescano a organizzare orari e presenze così come prevede il nuovo decreto del governo. E così molti licei oggi saranno ancora gli alunni in presenza al 50%. Il provvedimento dell’esecutivo stabilisce che in zona gialla e arancione tutti i ragazzi delle elementari e delle medie siano tra i banchi, mentre per le superiori la presenza è fissata in almeno il 70% e fino al 100%. In zona rossa saranno tutti presenti fino alla terza media alle superiori l’attività in classe almeno al 50%.