Marco

Buticchi

Perfino Napoleone esortò i suoi soldati al rispetto di quaranta secoli di storia, mentre si apprestava a conquistare la Terra delle piramidi. La colonna di Marco Aurelio ha ‘soltanto’ diciannove secoli e celebra le vittorie di Roma Imperiale sulle popolazioni a nord del Danubio. Immagino, però, lo stupore degli splendidi bassorilievi antichi quando si sono visti le nudità di una giovane bagnante intenta a rinfrescarsi nella fontana della centralissima piazza Colonna. Certo, dirà qualcuno, un’abluzione trasgressiva val bene il mancato rispetto per il passato. Ma, in quella piazza, ha sede pure il Governo della Repubblica Italiana, istituzione cui deferenza è dovuta per legge.

Verrebbe da pensare che, nel vivissimo presente, la facciano sempre franca gli indolenti. Un esempio? Abbiamo visto droni-poliziotto in picchiata su chi aggirava i divieti pandemici. Pur avendo altro da tutelare, mi sarei aspettato che le Forze dell’Ordine presenti, per riguardo – loro sì – al luogo presidiato, costringessero la signorina a comportarsi con decoro. Bagnarsi nudi in una fontana parrebbe un fatto di poco conto, se non rappresentasse l’ennesima occasione persa di mostrare amore per questa Italia che, malgrado i nostri maltrattamenti, continua a ripagarci con la sua meraviglia. Spero che la bagnante, allontanandosi impunita, non abbia lamentato vibranti rimostranze per la mancanza di una salutare doccia a fine nuotata. Evviva l’Italia!