4 feb 2022

Sergio II e la liturgia della Repubblica

Il giro con la Lancia Flaminia, l’omaggio all’Altare della Patria, l’abbraccio della gente: così Mattarella succede a se stesso

alessandro farruggia
Cronaca

di Alessandro Farruggia Va di scena sul sedile posteriore della storica Lancia 335 decappottabile che sale lenta verso il Quirinale l’immagine plastica del solido asse istituzionale che guida l’Italia. Da un lato c’è Sergio Mattarella, l’uomo che dopo sette anni d’impegno non voleva più essere presidente, ma che accettò per evitare al Paese il demone dell’incertezza e dell’instabilità. Nell’altro siede Mario Draghi, l’uomo che poteva e ragionevolmente voleva essere presidente ma che il destino (e i peones) non volle che lasciasse palazzo Chigi. Uniti ancora sulla Lancia Flaminia, con i corrazzieri a cavallo e in moto che precedono affiancano e seguono, e lo staff della sicurezza a piedi, a passo veloce, e la gente che applaude. Liturgie della Repubblica. Come se il tempo non fosse passato. Sergio Mattarella succede a se stesso, in quello stesso 3 febbraio che lo vide per la prima volta salire al Colle. Giunge alla Camera con la stessa campana di Montecitorio che suona, lo accolgono il presidente della Camera, Roberto Fico, e del Senato, Elisabetta Casellati, la donna che avrebbe voluto essere al suo posto e ancora, tra sé e sé, non se ne capacita come non sia stato possibile. Ma tant’è. In Aula c’è anche Pier Ferdinando Casini, un altro che è stato a un passo dal Quirinale e ieri al suo ingresso in Aula ha avuto un lungo applauso. Manca, perché beffardamente bloccato come altri 15 grandi elettori da un tampone positivo, Matteo Salvini, quel leader le cui mosse hanno involontariamente creato, come una valanga, le condizioni per un ritorno di Mattarella al Quirinale. C’è invece il nuovo presidente della Consulta Giuliano Amato che a fianco di Draghi sorride a Mattarella e poco prima del giuramento è protagonista di un divertente siparietto. "Hai visto – gli dice Amato – che è finita come dicevamo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?