Trapani, 7 novembre 2021 - La nave Sea Eye 4, con 800 migranti a bordo – 200 sono minori, molti i bambini sotto i 10 anni, 5 le donne incinte –, ha fatto il suo ingresso nel porto di Trapani. A metà pomeriggio di domenica 7 novembre è iniziato lo sbarco dei migranti. La nave ieri sera sabato 6 novembre aveva ricevuto dalle autorità italiane il via libera per recarsi a Trapani come porto di sbarco designato. I migranti erano stati recuperati nello specchio d’acqua tra Libia e Sicilia in diversi interventi. Sul molo è presente la Croce Rossa che ha allestito la macchina dell’accoglienza. I migranti saranno comunque trasferiti su due navi quarantena, mentre i minori in comunità per giovani.

Migranti, Sea-Eye 4 con i migranti a Trapaini (Ansa)

La macchina dell’accoglienza organizzata dalla prefettura è pronta per le prime visite con tamponi e l’identificazione. Alcune delle persone salvate hanno trascorso 5 notti sulla nave. Il medico dell’ospedale di bordo, la tedesca Daniela Klein, ha curato oltre 200 persone per varie esigenze mediche.  La funzionaria della prefettura sul posto, nei momenti concitati dello sbarco e dei necessari controlli sanitari, chiarisce: "I minori non accompagnati, alla conclusione di queste verifiche, saranno trasferiti nei centri appositi che si trovano tutti in Sicilia". Ma naturalmente le famiglie non saranno separate. I minorenni arrivati con i genitori "trascorreranno il periodo di quarantena insieme agli adulti di casa  nelle due navi che già si trovano nel porto. Infine le donne in stato interessante saranno trasferite nei centri sul territorio".

 

“Siamo sollevati e felicissimi che le ore difficili per il nostro equipaggio e le persone soccorse finiscano e che queste persone saranno finalmente al sicuro in Italia. Siamo sconvolti dal fatto che l’incapacità di Malta di fornire assistenza abbia portato a una situazione così eccezionale”. Lo afferma Gorden Isler, presidente di Sea-Eye in una nota della ong, che chiede all’Europa di “ammonire Malta per non aver coordinato i soccorsi e per essersi rifiutata di fornire assistenza alle imbarcazioni in pericolo”. “Il nostro medico di emergenza Daniela Klein e l’intero equipaggio hanno realizzato cose inimmaginabili negli ultimi giorni: più di 800 persone soccorse hanno portato non solo la nave stessa, ma tutti a bordo al limite delle forze. È imperativo che ora ricevano cure mediche a terra”, aggiunge Harald Kischlat, membro del consiglio di amministrazione di German Doctors.

Trapani, i migranti sulla Sea-Eye 4 (Ansa)

Il leader della Lega Matteo Salvini va all'attacco su Twitter e si chiede: “Una nave tedesca sta per lasciare in Sicilia più di 800 clandestini. Domanda: i ministri dell`Interno e degli Esteri hanno chiesto a Berlino e Bruxelles di farsi carico di questi immigrati o per loro va bene così?”.