Sea Eye 4 (Ansa)
Sea Eye 4 (Ansa)

Palermo, 5 giugno 2021 - E' scattato il fermo amministrativo per la nave Sea Eye 4, attraccata al porto di Palermo. L'imbarcazione della omonima ong, che effettua ricerca e soccorso dei migranti nel Mediteraneo, non è stata trovata in regola dopo un'ispezione della Guardia costiera, che risale a 10 mesi fa. La Sea Eye 4 avrebbe mezzi collettivi di salvataggio sufficienti ad ospitare un numero massimo di 27 persone. Mentre nei giorni scorsi ha sbarcato 415 migranti nel porto di Pozzallo, al termine di un periodo di quarantena imposto dalle Autorità sanitarie nazionali. 

Quindi, in caso di un'emergenza tale da richiedere l'evacuazione della nave, il numero dei posti sui mezzi di salvataggio sarebbero insufficienti per gli ospiti e l'equipaggio. Ma non basta, sono infatti emerse altre irregolarità tecniche sempre riguardandi la sicurezza degli equipaggi, ma anche dei migranti recuperati a bordo nel corso del servizio di assistenza. Accertate anche alcune violazioni delle normative a tutela dell'ambiente marino. 

I commissari della Guardia costiera hanno anche fatto luce sulle carenze nei contratti del personale marittimo imbarcato, sulle istruzioni da fornire all'equipaggio in caso di emergenza, sull'organizzazione di bordo e sulle dotazioni radio, per un totale di 23 irregolarità emerse, di cui 10 particolarmente gravi.