Roma, 11 gennaio 2021 - Oggi tornano in classe 300 mila alunni delle superiori in Toscana, Abruzzo e Valle D'Aosta. Ma nel resto d'Italia le scuole sono chiuse e gli studenti sono in subbuglio e protestano per il mancato ritorno in classe, con scioperi e flash mob diffusi. In tutto ciò, la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina si schiera al fianco degli studenti esasperati dalla Dad (didattica a distanza) e dalle chiusure.

Tutor anti-assembramenti alle fermate dei bus. Nasce il modello Toscana

Zone Italia da oggi: regioni gialle e arancioni. Cartina, regole, autocertificazione

Azzolina: le scuole pronte a riaprire

"Nelle regioni a fascia gialla tutto è aperto tranne la scuola superiore e questo creerà profonde cicatrici, i ragazzi hanno bisogno di sfogare la loro socialità - dice Azzolina a Radio Rai 1 - Sono molto preoccupata, c'è un black out della socialità, i ragazzi sono arrabbiati, disorientati e sono preoccupata per il deflagrare della dispersione scolastica". 
Lei si sente la coscienza a posto: "Ho fatto tutto quello che potevo fare, le scuole sono pronte per ripartire ma le Regioni hanno la possibilità di riaprirle o meno. Chiedo a tutti di trattare la scuola come si trattano le attività produttive; si fa l'errore di credere che la scuola non produca incassi: se io chiudo un negozio so purtroppo quanto ho perso, sulla scuola questo discorso non si fa ma i costi sono altissimi, il messaggio deturpante per cui nelle Regioni gialle è tutto aperto tranne la scuola, lascia cicatrici enormi".

"La Dad non può più funzionare"

E ancora: "Io ho voluto la dad a marzo scorso ma questa può essere utile per qualche settimana, oggi è evidente che non può più funzionare; a scuola nascono amicizie e amori, oggi i ragazzi sono arrabbiati e disorientati, c'è un black out della socialità. La scuola è un servizio pubblico essenziale, è un diritto costituzionale". 

La ministra, ricordando che le scuole sono sicure, ha detto che il sindaco di Firenze Dario Nardella ha fatto uno screenig nelle prime medie su 3300 studenti: i positivi erano solo tre. 

 Toscana, scatta l'ora x: ritorno in classe con regole anti-covid / LIVE

Crepet: "Tra i ragazzi cresce l’esasperazione. Sono rabbiosi perché abbandonati"

La mappa della rabbia degli studenti

Riparte la mobilitazione del settore scuola in diverse città italiane per chiedere l'apertura in sicurezza come priorità. Presidi e sit-in sono stati organizzati davanti a molti istituti con gli studenti in astensione anche dalla Dad, la didattica a distanza. "Non si può tenere aperto tutto, mentre la scuola resta sempre chiusa da ormai un anno", sostiene il comitato "Priorità alla Scuola" che è fra gli organizzatori della mobilitazione.
L'auspicio è che il settore sia finanziato perché possa avere più spazi, più personale, per riaprire le infermerie, fare uno screening sanitario regolare della comunità scolastica (docenti, ATA, studenti) e "inserire, come categoria prioritaria, il personale scolastico ad alto rischio nella fase 1 dell'agenda vaccinale".

Le iniziative per oggi sono programmate a Firenze, Roma, Milano, Viterbo, Pescara, Faenza, Salerno. E domani, ancora Roma, quindi Ancona, La Spezia. Altre iniziative nei prossimi giorni: venerdi' e sabato a Trieste. Il 16 gennaio, protagonista ancora Trieste con Pisa e Imola