Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
17 mag 2022

Scontri al funerale, bufera su Israele ll Vaticano: violata la libertà di culto

Sotto accusa l’irruzione della polizia alle esequie della reporter di Al Jazeera. "Immagini sconvolgenti"

17 mag 2022
aldo baquis
Cronaca

di Aldo Baquis La Santa Sede e Israele si trovano ai ferri corti in seguito all’irruzione violenta della polizia avvenuta venerdì scorso quando, nel cortile dell’Ospedale St. Joseph di Gerusalemme – una istituzione gestita dalle Sorelle dell’Apparizione –, stava prendendo le mosse il corteo funebre di Shireen Abu Akleh, la reporter di Al Jazeera uccisa due giorni prima in Cisgiordania in un fuoco incrociato fra soldati israeliani e miliziani palestinesi. Le immagini della violenta carica degli agenti sulla prima linea dei partecipanti alle esequie, della bara che ondeggiava sulle loro spalle, e che a tratti sembrava sul punto di cadere a terra, hanno fatto il giro del mondo. Espressioni di turbamento sono giunte dai dirigenti europei e dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden. "Siamo sconvolti per le modalità ingiustificabili di quanto avvenuto", ha detto ieri il Patriarca latino di Gerusalemme Pierbattista Pizzaballa. "Le ragioni di sicurezza non possono giustificare un evento di questo genere, che colpisce la sensibilità della comunità cristiana e di ogni persona e sconvolge". "La polizia israeliana ha violato in maniera brutale il diritto alla libertà religiosa sancito nel primo capitolo del nostro Accordo fondamentale" ha aggiunto padre Thomas Grysa, incaricato d’affari della delegazione apostolica. Fra Israele e Santa Sede, ha aggiunto, "si è adesso creata tensione, non per la prima volta". Quello di venerdì era stato un ulteriore giorno di massima tensione per la polizia israeliana. Gli scambi di accuse fra l’Autorità nazionale palestinese ed Israele circa la responsabilità immediata della morte della reporter, ossia se fosse stata colpita dal fuoco di soldati o di miliziani, avevano creato in città un clima elettrico. Le previsioni della mattinata parlavano di una possibile presenza al corteo funebre di molte migliaia di persone (una partecipazione di massa che si è infatti realizzata), mentre nelle stesse ore Hamas preparava proteste nella ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?