Martedì 25 Giugno 2024

Orlandi-Gregori, via libera alla Commissione d’inchiesta: c’è l’ok del Senato

Il fratello Pietro e l’avvocato Sgrò: “Felici che il Parlamento abbia dimostrato di essere sovrano”

Roma, 9 novembre 2023 - Emanuela Orlandi e Mirella Gregori: via libera definitivo del Senato alla Commissione parlamentare d’inchiesta che dovrà fare luce sulla sparizione delle due ragazze.

Emanuela Orlandi e Mirella Gregori scomparse e mai ritrovate
Emanuela Orlandi e Mirella Gregori scomparse e mai ritrovate

 “Siamo molto contenti e auguriamo buon lavoro ai parlamentari che saranno scelti in commissione. Siamo molto felici che il Parlamento abbia dimostrato di essere sovrano rispetto alle ‘intromissioni perniciose’ citate da alcuni”. Così il fratello di Emanuela, Pietro Orlandi e il suo legale, l’avvocato Laura Sgrò,hanno commentato il via libera definitivo in Senato al ddl, già approvato dalla Camera, che istituisce l’organismo.

Con l’ok dell’Aula del Senato la Commissione parlamentare d’inchiesta sulla scomparsa di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori incassa quindi il via libera definitivo del Parlamento.

La votazione a Palazzo Madama è avvenuta per alzata di mano (con l’astensione di Pier Ferdinando Casini).

Commissione: poteri e lavori top secret

La Commissione permanente sarà bicamerale, avrà poteri d’indagine speciale per ricostruire e analizzare la dinamica della scomparsa delle due quindicenni romane nella tarda primavera del 1983 e per esaminare il materiale e i dati acquisiti attraverso le inchieste giudiziarie e giornalistiche, avvalendosi anche di audizioni.

In particolare, i compiti ad essa conferiti riguardano: la ricostruzione puntuale della dinamica delle suddette scomparse, l’esame del materiale acquisito tramite le inchieste sia giudiziarie che giornalistiche, la verifica di eventuali condotte commissive od omissive che abbiano comportato ostacoli o ritardi, tali da cagionare un allontanamento dalla ricostruzione veritiera dei fatti e, dunque, dall’accertamento delle relative responsabilità. La Commissione sarà tenuta a presentare alle Camere, al termine dei propri lavori, una relazione contenente le risultanze dell’inchiesta, oltre che eventuali relazioni di minoranza.  

La Commissione ha l'obbligo di mantenere il regime di segretezza sugli atti trasmessi in copia, con particolare riguardo a quelli attinenti alla fase delle indagini preliminari.

Approfondisci:

Emanuela Orlandi scomparsa, il fratello Pietro: “Quarant’anni di misteri, cosa mi aspetto da papa Francesco”

Emanuela Orlandi scomparsa, il fratello Pietro: “Quarant’anni di misteri, cosa mi aspetto da papa Francesco”