Saman Abbas (Ansa)
Saman Abbas (Ansa)

Reggio Emilia, 2 giugno 2021 - Sul caso di Saman Abbas, la ragazza pakistana scomparsa da Novellara dove viveva con la famiglia dopo aver denunciato i genitori che volevano imporle un matrimonio combinato - un caso che sta sconvolgendo non solo Reggio e ma tutta l'Italia e che vede cinque familiari della giovane indagati per omicidio volontario - interviene oggi l'Ucoii con una nota appunto sul tema dei matrimoni combinati.

IL REPORTAGE / Saman, un fantasma a Novellara

"L'Ucoii emetterà - in concerto con l'Associazione Islamica degli Imam e delle Guide Religiose - una fatwa contro i matrimoni combinati forzati e l'altrettanto tribale usanza dell'infibulazione femminile". Lo scrive sul suo sito la stessa Unione delle Comunità Islamiche d'Italia. Questi, osserva l'Ucoii, "sono comportamenti che non possono trovare alcuna giustificazione religiosa, quindi assolutamente da condannare, e ancor di più da prevenire".

Intanto peoseguono senza sosta le ricerche delle forze dell'ordine nelle campagna reggiane. Il terribile sospetto degli inquirenti è che la giovane sia stata uccisa dai familiari. Mentre il padre - che è tornato in Pakistan - ha negato dicendo che la figlia si troverebbe in Belgio. Non gli credono.