Un treno regionale (Foto di repertorio LaPresse)
Un treno regionale (Foto di repertorio LaPresse)

Venezia, 18 gennaio 2019 -  Venerdì nero per i trasporti su rotaia in Veneto per lo sciopero del personale Trenitalia, indetto dalle 9 alle 17 da Filt-Fit-Uilt-Ugl-FastT. L'agitazione interessa circa 2.500 lavoratori regionali di Trenitalia, che presidieranno le stazioni di Verona e Mestre con volantinaggi per spiegare all'utenza le ragioni della mobilitazione.

Spiega Renzo Varagnolo, segretario generale della Filt Cgil del Veneto: "Le ferrovie annunciano a livello nazionale migliaia di assunzioni e poi nel Veneto da anni assumono giovani lavoratori interinali che durano molti mesi senza nessuna garanzia di continuità lavorativa, in condizioni lavorative molto pesanti rispetto i turni e i carichi di lavoro, soprattutto nel settore della vendita, dell'assistenza all'utenza e del commerciale. Inoltre, molti interinali sono stati inseriti nei servizi a bordo dei treni".

NAPOLI, LUNEDI' TUTTI A PIEDI - S'annuncia poi un lunedì difficile, a Napoli, per lo sciopero di quattro ore indetto da Cgil, Cisl, Uil e Faisa Cisal, che coinvolgerà il trasporto pubblico locale. Per le Funicolari Centrale, Chiaia, Montesanto e Mergellina l'ultima corsa sarà alle 9,20, la prima dopo la sospensione del servizio alle 13,20. Per la Metro 1 ultima corsa prevista da Piscinola alle 9,14 mentre da Garibaldi alle 9,18.

Le corse riprenderanno da Piscinola alle 13,08 e da Garibaldi alle 13,48. Per i bus stop al servizio dalle 9 alle 13. Le ultime partenze saranno effettuate circa 30 minuti prima dell'inizio dello sciopero mentre il servizio tornerà completamente regolare circa 30 minuti dopo la fine dello sciopero. 
Quattro ore di stop anche per il servizio a cura di Eav che interesserà Cumana, Circumvesuviana, MetroCampania NordEst da Napoli ad Aversa e treni di lunga percorrenza per Benevento e Piedimonte. Non sono previste fasce di garanzia poiché queste sono comunicate solo in caso di sciopero di 24 ore.