Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
11 mar 2022

Sardegna, presi d'assalto supermercati e distributori. I motivi della psicosi

Aumento dei prezzi causato dalla guerra in Ucraina e messaggio audio, virale sui social, che annunciava 15 giorni di sciopero degli autotrasportatori: si scatena l'accaparramento di beni primari

11 mar 2022
Scaffali vuoti all'interno di un supermercato di Cagliari, 11Marzo 2022. ANSA/FOIS
Scaffali vuoti all'interno di un supermercato (foto d'archivio)
Scaffali vuoti all'interno di un supermercato di Cagliari, 11Marzo 2022. ANSA/FOIS
Scaffali vuoti all'interno di un supermercato (foto d'archivio)

Cagliari, 11 marzo 2022 - In Sardegna è psicosi. L'aumento dei prezzi causato dalla guerra in Ucraina e un messaggio audio, virale sui social, che annunciava 15 giorni di sciopero degli autotrasportatori che avrebbero 'paralizzato' l'isola, stanno spingendo in queste ore tantissime persone a fare scorte di generi alimentari e carburante. Molti supermercati sono stati presi d'assalto e questa mattina diversi scaffali dei principali market di Cagliari risultavano vuoti, così come in tanti distributori di benzina è terminato il carburante, soprattutto il diesel, con lunghe file di auto sulle strade.

Perché il diesel costa più della benzina: la spiegazione

Per lunedì 14 marzo è stato annunciato uno sciopero degli autotrasportatori sardi: sono in 450 i lavoratori del settore, senza sigle sindacali, pronti a sistemare i loro tir davanti ai porti e alle zone industriali dell'Isola dall'alba per protestare contro il caro gasolio. Già da ieri le sigle sindacali ufficiali avevano preso posizione sul messaggio vocale rimbalzato su migliaia di chat WhatsApp della Sardegna che preannunciava un blocco totale delle consegne per due settimane. "Si tratta di un messaggio di un lavoratore disperato che sta annunciando qualcosa di illegale - ha chiarito il segretario generale della Filt Cgil Arnaldo Boeddu -. Vietare i beni di prima necessità è un reato, non è possibile privare la popolazione di beni primari". 

Il pieno di un’utilitaria costa 24 euro in più. Tir fermi contro il caro-diesel

Resta il fatto che il panico è diffuso. Oltre tremila chilogrammi di pasta sono stati venduti in meno di otto ore nei due punti vendita Conad di Alghero (Sassari). Farine, zucchero, caffè, pasta, cereali di ogni tipo, passate e acqua sono i beni di prima necessità spariti per primi dagli scaffali. Per molti è stato un ritorno al 9 marzo 2020, quando l'improvviso lockdown aveva colto tutti di sorpresa e i sardi avevano avvertito il pericolo della carenza delle merci. Il gruppo Conad che gestisce i punti vendita di Alghero, Ittiri, nel Sassarese, Muravera e Villasimius nel Sud Sardegna, e Cabras (Oristano) ha registrato l'aumento delle vendite dei beni di prima necessità indistintamente da nord a sud dell'isola.

Benzina e diesel volano a 2,3 euro. Metano anche a 5 euro

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?