Lunedì 22 Luglio 2024

Terrore a Sassari, assalto con kalashnikov al caveau Mondialpol. Spari contro carabinieri e polizia: “Banditi pronti ad uccidere”

Un commando, composto almeno da 10-15 persone, ha sfondato il muro con un’escavatrice. Auto a fuoco e bottino da quantificare. I precedenti

Sassari, 28 giugno 2024 – Rapina al caveau della Mondialpol oggi a Sassari e terrore in città. Erano pronti ad uccidere i banditi armati di kalashnikov – una banda formata da 10-15 uomini – che hanno assaltato intorno alle 20,30 il ‘forziere’, alla periferia della città. 

Assalto alla Mondialpol di Sassari: auto di carabinieri e polizia crivellate di colpi
Assalto alla Mondialpol di Sassari: auto di carabinieri e polizia crivellate di colpi

Approfondisci:

Rapina a Sassari e identikit del commando: quel dettaglio rivelatore

Rapina a Sassari e identikit del commando: quel dettaglio rivelatore

Kalashnikov (e una benna per sfondare il muro)

I malviventi sono entrati nello stabilimento della società di sicurezza sfondando un muro con la benna di un mezzo meccanico. Erano armati di kalashnikov. Hanno sparato all’interno per spaventare le guardie giurate e sono riusciti impossessarsi del denaro custodito nel caveau, dove si stavano preparando i soldi per le pensioni. Poi sono scappati.

Spari contro carabinieri e polizia

Per coprirsi la fuga hanno incendiato diverse auto bloccando le vie attorno e hanno sparato contro auto dei carabinieri e della polizia che li hanno incrociati. Erano pronti ad uccidere.

Sassari: i banditi in fuga hanno sparato con auto dei carabinieri e della polizia
Sassari: i banditi in fuga hanno sparato con auto dei carabinieri e della polizia

Fonti: “Non ci sono feriti”

Da quanto trapela al momento, nessuno è rimasto ferito. Impressionante la foto dell’auto dei carabinieri, si vedono chiaramente i colpi di kalashnikov che hanno crivellato il parabrezza.

A quanto ammonta il bottino?

Al momento non si conosce ancora l’entità del bottino, che s’immagina comunque molto rilevante.

La dinamica dell’assalto

I malviventi, almeno dieci, armati con kalashnikov e vestiti con mimetiche e giubbotti anti-proiettili, sono entrati in azione intorno alle 20,30: hanno accostato un escavatore al muro di recinzione della sede Mondialpol di Caniga, e sfruttando la lunghezza del braccio del mezzo meccanico hanno sfondato il muro dell’edificio. Contemporaneamente con una scala altri banditi hanno scavalcato la recinzione e sono entrati nella sede da dove hanno prelevato diversi sacchi di denaro, portati fuori sempre con la benna del mezzo meccanico e caricati su un furgone Fiat Ducato bianco, con cui poi si sono dati alla fuga in direzione Cagliari. Non prima di avere sparato contro le guardie giurate per intimidirle: una di loro che si trovava nella garitta di sorveglianza si è salvata grazie ai vetri anti-proiettili.

I video sulla Rete

Sui social girano video che documentano i momenti di puro terrore e Far West nelle strade di Sassari. In una breve sequenza concitata, girata da una automobilista, si vede un bandito armato, il volto coperto da un passamontagna. 

Caccia all’uomo in tutta la Sardegna

Sul posto il pm di turno e gli investigatori della polizia. Ed è in corso un’imponente caccia all’uomo. I banditi hanno lasciato alle loro spalle strade disseminate di stelle chiodate. 

Il precedente ai portavalori

La sede della Mondialpol non è nuova a questa assalti: quello di oggi sarebbe il terzo caso in una decina di anni. A gennaio un commando di banditi aveva preso d’assalto tre furgoni portavalori a Siligo, a pochi chilometri da Sassari. Erano rimasti feriti 5 vigilantes ed il bottino era stato di 4 milioni di euro ed era.