Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
5 gen 2022

Sara Pedri e l'ultima chat: "Io, morta che cammina"

Vessazioni sul lavoro, a Trento la perizia sul suo smartphone: indagati l’ex primario e la vice. La consulente: "Vittima di quick mobbing"

5 gen 2022
serena d’urbano
Cronaca
Sara Pedri, ginecologa 32enne di Forlì, è sparita il 4 marzo scorso a Cles, in provincia di Trento
Sara Pedri, ginecologa 32enne di Forlì, è sparita il 4 marzo scorso a Cles
Sara Pedri, ginecologa 32enne di Forlì, è sparita il 4 marzo scorso a Cles, in provincia di Trento
Sara Pedri, ginecologa 32enne di Forlì, è sparita il 4 marzo scorso a Cles

"Sono un morto che cammina. Questa volta non ce la farò". Così scriveva verso la fine Sara Pedri, ginecologa forlivese 32enne scomparsa il 4 marzo 2021 in Trentino. Tra le 20mila pagine di messaggi e vocali WhatsApp trascritti, è questo quello che maggiormente colpisce Gabriella Marano, psicologa specializzata in criminologia, incaricata di effettuare una consulenza tecnica e redigere una perizia di parte. Il documento – 119 pagine – è stato consegnato il 28 dicembre alla procura di Trento dall’avvocato della famiglia Pedri, Nicodemo Gentile. Le ricerche nel lago di Santa Giustina e nei pressi del ponte di Mostizzolo, noto come ponte dei suicidi, dopo 10 mesi non hanno restituito il corpo di Sara. Ma la famiglia non si arrende e continua la battaglia per far luce su una complessa e dolorosa vicenda, che vede due indagati per maltrattamenti. Si tratta di Saverio Tateo, ex primario di Ginecologia al Santa Chiara di Trento – dove Sara ha lavorato circa tre mesi fino al 1° marzo (giorno del trasferimento a Cles cui seguirono in 48 ore le dimissioni) – e della sua vice Liliana Mereu. L’ultimo step dell’inchiesta ancora in corso, dunque, è questa minuziosa ’autopsia psicologica’ condotta dalla dottoressa Marano per la quale "il supertestimone è proprio lei, Sara, che ha parlato attraverso gli appunti lasciati in casa, le e-mail inviate e non, le telefonate, le confidenze, gli sfoghi, le lacrime versate con le persone a lei più care, e soprattutto attraverso le migliaia e migliaia di messaggi e di vocali che coprono intensamente gli ultimi tre anni della sua vita". Accanto a essi, l’esperta in criminologia ha ascoltato anche le testimonianze di 15 persone per ricostruire il profilo psicologico della ragazza. "Non c’era alcun segno di instabilità pregressa – spiega l’esperta –. Fermo restando che, anche qualora ci fosse una ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?