Sara Cunial ha tentato di baciare l'inviato di Piazzapulita
Sara Cunial ha tentato di baciare l'inviato di Piazzapulita

Roma, 11 settembre 2020 -  Provocazione con inevitabili e giuste polemiche, quella inscenata dalla parlamentare Sonia Cunial durante la registrazione di un servizio andato in onda ieri sera (giovedì) nel corso della prima puntata della nuova stagione di 'Piazzapulita', la trasmissione condotta da Corrado Formigli su La7. Un servizio incentrato appunto sui negazionisti del Covid, un tema quanto mai scottante in queste settimane.

La parlamentrae ha infatto tentato di 'baciare' l'inviato di 'Piazzapulita' Alessio Lasta mentre cercava di intervistarla sul Coronavirus, per mostrare che "non c'è bisogno della mascherina". E' appunto uno dei passaggi di un servizio più ampio andato in onda ieri sera e che mostra il giornalista mentre tenta di parlare con la Cunial e viene 'assalito' dalla parlamentare che tenta di baciarlo.
 "Lo sai che ti stai ammalando mentre usi la mascherina?", ha detto la Cunial, apostrofando il giornalista nel corso della discussione, che si è poi tramutata in alterco. "Deve mantenere rispetto per i 35mila morti", ha ribattuto Lasta.

Coronavirus Italia, il bollettino dell'11 settembre

Soltanto lo scorso 5 settembre Sara Cnuial, ex deputata del Movimento 5Stelle, ora al Gruppo Misto, aveva partecipato alla manifestazione di Roma indetta dalla galassia dei cosiddetti negazionisti (che comprendeva no mask e no vax). "Sabato 5 settembre - aveva annunciato - sarò in Piazza Bocca della Verità con il Popolo delle Mamme e con tutti coloro che chiedono la sospensione della Legge Azzolina e Lorenzin" sui vaccini "e il ripristino immediato dei diritti costituzionali e fondamentali, da troppo tempo ormai calpestati e oltraggiati. Salviamo i bambini dalla dittatura sanitaria".

Cunial è nota per le sue posizioni su vaccini e altre discusse teorie, ed è  fondatrice con Davide Barillari, ex consigliere M5S Lazio del movimento R2020 per il "Ben-Essere delle persone e della Terra". Per lei "mascherine, distanziamento, vaccini, ipermedicalizzazione e ipercontrollo sono tutte facce della stessa medaglia, stanno annientando l'anima al nostro futuro e la memoria all'umanità".