Junior Cally con Amadeus (Ansa)
Junior Cally con Amadeus (Ansa)

Roma, 19 gennaio 2020 - Ennesima polemica sul Festival di Sanremo 2020, ancora una volta legata al mondo femminile, dopo le accuse di sessimo rivolte ad Amadeus, conduttore e direttore artistico della kermesse. La partecipazione alla manifestazione canora del rapper Junior Cally ha suscitato profonda indignazione da parte delle esponenti politiche di Pd, Lega e M5s

Laura Moschini, ricercatrice e cofondatrice dell'Osservatorio di genere della Università Roma Tre, ha sollevato la questione, sottolineando come il rapper, in gara a Sanremo con il brano 'No grazie', abbia in passato firmato "brani con versi sessisti, sboccati e violenti". L'appello è stato condiviso e rilanciato da un gruppo di esponenti del Pd: ''Come donne del Pd condividiamo totalmente questo giudizio e l'appello che giriamo al Presidente della Rai, all'Ad Salini, alla Commissione Parità Rai al Parlamento e alle Autorità preposte''.

Matteo Salvini ha parole dure: "Junior Cally? Uno che incita all'odio e alla violenza contro le donne. Per un anno ho lavorato con Giulia Bongiorno per far approvare il Codice rosso. Oggi leggo che la Rai e il più importante festival della canzone italiana, usando denaro pubblico, sdoganano femminicidio e stupro. Non ho parole: mi auguro che questo tizio non metta mai piede sul palco di Sanremo". Anche la candidata leghista Lucia Borgonzoni tuona: "Junior Cally sul palco di Sanremo è disgustoso. Uno che incita al femminicidio, allo stupro, alla violenza non può esibirsi fra i big del festival nazional popolare più famoso del Paese davanti a un pubblico di famiglie, giovani e bambini. E' indegno."

Sulla stessa linea la senatrice del Movimento 5 Stelle Cinzia Leone, vicepresidente della commissione di inchiesta sul fenomeno del femminicidio, che condanna fortemente la partecipazione del rapper. Anche Lucio Malan, vicecapogruppo di Forza Italia al Senato, si unisce al coro: "Nel brano 'Strega' c'è il femminicidio di una ragazza preceduto da un rapporto sessuale e seguito dal furto della borsetta, senza un accenno di condanna e di dissociazione".

Il rapper romano, all'anagrafe Antonio Signore, classe 1991, affida ad una nota del suo management la replica ufficiale. Oltre a sottolineare che la posizione di Junior Cally è "contro il sessismo e contro la violenza sulle donne'', l'entourage puntualizza che le canzoni finite nel mirino sono state "pubblicate da anni in un età in cui Junior Cally era più giovane e le sue barre erano su temi diverse da quelle di oggi''. Si pone inoltre l'accento sul fatto che "l'arte può avere un linguaggio esplicito e il rap, da sempre, fa grande uso di elementi narrativi di finzione e immaginazione che non rappresentano il pensiero dell'artista". Ricordando infine, per restare in tema sanremese, come "molti artisti che hanno calcato il palco dell'Ariston (in gara o come ospiti) hanno usato frasi più che esplicite". 

Il presidente della Rai, Marcello Foa, ha espresso: "forte irritazione per scelte che vanno nella direzione opposta rispetto a quella auspicata". "Scelte come quella di Junior Cally sono eticamente inaccettabili per la stragrande maggioranza degli italiani". Il Festival dovrebbe "promuovere il rispetto della donna e la bellezza dell`amore. La credibilità di chi canta - prosegue Foa - deve rientrare fra i criteri di selezione. Chi nelle canzoni esalta la denigrazione delle donne e persino la violenza omicida, e ancora oggi giustifica quei testi avanzando pretese artistiche, non dovrebbe beneficiare di una ribalta nazionale. Speriamo - conclude il presidente della Rai - che il direttore artistico, che gode di stima anche per essere persona moderata e di buon senso, sappia riportare il Festival nella sua giusta dimensione".