28 feb 2022

Salvini: non diamo armi all’Ucraina Tutti gli (ex) amici di Putin in Italia

Il leghista si smarca dal governo. Ma le ambiguità, dai Cinque stelle al centrosinistra, non mancano

ettore maria colombo
Cronaca
Il leader della Lega Matteo Salvini, 48 anni, con una maglietta raffigurante Putin durante un viaggio in Russia del 2014
Il leader della Lega Matteo Salvini, 48 anni, con una maglietta raffigurante Putin durante un viaggio in Russia del 2014
Il leader della Lega Matteo Salvini, 48 anni, con una maglietta raffigurante Putin durante un viaggio in Russia del 2014

di Ettore Maria Colombo "All’Europa chiedo non di distribuire armi letali ai confini con la Russia, ma di perseguire la via del Santo Padre: confronto, dialogo, diplomazia, sanzioni". Matteo Salvini ci è ricascato. La coazione putiniana a ripetere del leader della Lega ritorna fuori, alla prova del nove (anzi, del fuoco). Il leader della Lega apre così una crepa nella linea del governo, fornire aiuti militari all’Ucraina. "Preferisco parlare di corridoi umanitari e non voglio che la risposta dell’Italia e dell’Europa sia che distribuisca armi letali. Non in mio nome" dice Salvini, riecheggiando l’antico slogan dei pacifisti anti-yankee not in my name. Lo sfottò di Carlo Calenda, leader di Azione, a Salvini è immediato e urticante: "Cosa dobbiamo inviare secondo Salvini delle fionde? Dei fucili a coriandoli? Delle felpe?". Ma chi sono stati, o sono, i “putiniani“ italiani? L’amico di Putin per eccellenza, e per decenni, è stato Silvio Berlusconi. L’amicizia tra i due leader è antica e solida. Ebbe origine nel 2002, quando il Cavaliere fu ospite nella dacia di Putin sul Mar Nero e lì nacque l’iniziativa di Pratica di Mare che immaginava una "nuova era" di collaborazione tra la Nato e la Russia. Di recente, Putin ha fatto a Berlusconi i suoi calorosi auguri per i suoi 85 anni. Berlusconi, oggi, tace, imbarazzato, ma freme: vorrebbe aiutare di nuovo il processo di pace. Poi, appunto, c’è Salvini. Un vecchio post social del 2015 lo ritrae al Parlamento Ue, con una t-shirt su cui campeggia il volto del leader russo. Poi c’è un altro post, sempre del 2015, in cui afferma che "mezzo Putin vale due Mattarella". L’ultima perla è del 2019. Durante un comizio definisce Putin "uno dei migliori politici sulla faccia della Terra". Anche Giorgia Meloni – oggi fiera sostenitrice delle ragioni dell’Occidente e della resistenza del ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?